Gli scrivono “grasso” su Facebook, sceriffo invia gli agenti a casa del responsabile: “Messaggio minaccioso”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:22

sceriffo grasso facebook Lo sceriffo della contea di Kalamazoo, nel Michigan, ha detto al suo staff di indagare su un messaggio comparso su Facebook dove veniva etichettato come “grasso”. 

Stando a quanto rivelato dai media locali, lo sceriffo Richard Fuller ha inviato due detective a casa dell’uomo che ha inviato il messaggio su Facebook.

Il report sull’accaduto afferma che Fuller ha ritenuto che il messaggio fosse “di natura minacciosa”.

Sei un grasso, devi seguire una dieta. Smettila di vivere”: sarebbero queste le espressioni usate dall’uomo, che hanno spinto lo sceriffo ad indagare più approfonditamente.

Lo scorso 6 aprile i due investigatori si sono recati a casa del responsabile, che tuttavia davanti alle forze dell’ordine ha negato di aver pubblicato il post, affermando che il suo profilo Facebook “era stato violato da una persona sconosciuta”.

Lo sceriffo aveva chiesto alle persone di restare a casa

Lo sceriffo ha poi spiegato agli organi di stampa di aver ricevuto il messaggio su Facebook dopo aver scritto un post che incoraggiava le persone a rispettare l’ordine del governatore di rimanere in casa, in rispetto delle disposizioni per contrastare la pandemia di coronavirus.

Anthony Flores, ex procuratore e attuale professore della Cooley Law School della Western Michigan University, ha detto che il messaggio “non appare minaccioso”.

“Penso che i funzionari eletti debbano aspettarsi questo tipo di commenti. Non possono essere super sensibili ad ognuna di queste espressioni”, ha detto Flores, aggiungendo che l’invio di investigatori a casa dell’uomo era “un uso discutibile delle risorse e un esempio negativo”.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!