Trasporta cocaina e schede in una prigione cingalese, arrestato: il colpevole è un gatto

Il gatto corriere arrestato

Un insolito contrabbandiere è stato catturato in Sri Lanka: un gatto veniva utilizzato per trasportare droghe, sim e una scheda di memoria legate al collo.

La scorsa settimana una prigione dello Sri Lanka ha messo dietro le sbarre un prigioniero davvero particolare. Colpevole di trasportare droghe e schede all’interno del carcere è infatti un gatto, individuato all’interno della prigione.

In un sacchetto legato intorno al collo del felino sono stati rinvenuti 2 grammi di cocaina, una scheda sim e una dati.

Il micio è stato rinchiuso, ma quando le guardie carcerarie sono andate a portargli da mangiare, il gatto era fuggito.

Secondo il Daily Star nel frattempo è stata avviata un indagine per capire da quale detenuto si stesse recando il gatto. La prigione ha registrato un aumento di tentativi di introdurre droghe, telefoni e caricabatterie, generalmente lanciando questi oggetti oltre il muro della prigione. Di certo il tentativo del gatto è stato molto più originale.

Gatti criminali, il precedente russo

Un altro piccolo criminale è stato catturato in un pub Russo il mese scorso, colpevole di aver rubato dalla cassa un fascio di banconote. Il fatto è accaduto presso l’URSS Berr Pub nella località di Anapa.

Secondo il proprietario del posto, Nadezhda Vodolazskaya, di 37 anni, si tratta del secondo tentativo del micio di prendere del denaro. La prima volta era stato notato da un cliente, che li ha raccolti appena il felino li ha fatti cadere a terra.

Leggi anche => Una “zampa” di troppo: gatto buca i preservativi dei proprietari, coppia in attesa del…

Leggi anche => Gatto randagio “chiede” a una donna di comprargli del cibo: lei lo adotta. La…