Adescata in rete e stuprata per mesi da tre anziani: la vittima ha 20 anni

anziani stuprano 20enneTre uomini di 59, 64 e 82 anni avrebbero ripetutamente violentato una 20enne affetta da disabilità cognitiva dopo averla adescata in rete e raggirata

Hanno abusato di lei in tre, tutti anziani, incuranti del fatto che fosse disabile. La vittima è una ragazza di Trento di soli 20 anni, affetta da una disabilità cognitiva e che, stando alla sua testimonianza, sarebbe stata stuprata e abusata più volte da due fratelli di 64 e 59 anni insieme ad un loro conoscente 82enne. I retroscena sono agghiaccianti: i tre sospettati sono stati arrestati con l’accusa di violenza sessuale di gruppo aggravata e minacce ai danni della 20enne. La persona che ha per prima denunciato il fatto permettendo alle forze dell’ordine di dare il via alle indagini è stata la madre adottiva della ragazza. Ha notato alcuni comportamenti anomali che l’hanno insospettita: per tale ragione la Polizia postale di Trento ha indagato sulle comunicazioni online della giovane e sono emersi i contatti con gli uomini che in seguito l’avrebbero violentata.

La scoperta durante le indagini: altre vittime?

A confermare gli abusi vi sarebbero inoltre ben 140 scatti espliciti, che gli investigatori hanno trovato sugli smartphone e sui computer dei tre. La prova concreta delle violenze subite. È in seguito emerso che dopo gli abusi gli uomini avrebbero minacciato la 20enne perchè non rivelasse quanto subito e che le violenze andavano avanti da almeno un anno. L’adescamento sarebbe avvenuto in rete; ne è seguito un raggiro prima dei numerosi stupri. Si teme inoltre che la 20enne non sia la sola: le indagini proseguono a tutto campo poichè si teme che possano esserci anche altre vittime.