Attacchi sessisti contro deputata coreana per un vestito corto in Parlamento: “Escort!”

Ryu Ho Jeng

Vili attacchi sessisti contro la più giovane parlamentare della Corea del Sud, colpevole di aver indossato un vestito sopra il ginocchio e delle scarpe da ginnastica.

Una mise inadatta secondo molti, pronti a scatenarsi sui social – come riportato da Ansa citando la CNN (ma sono svariate le realtà fuori dal nostro Paese che hanno parlato della vicenda).

Lei è Ryu Ho-jeong, ha 28 anni e pur avendo dichiarato di aver scelto consapevolmente di indossare l’abito in questione per “rompere con la tradizione” – mai avrebbe immaginato di scatenare tutte queste polemiche sui social.

La Corea del Sud è un paese con una mentalità patriarcale e il numero di parlamentari donne di questa legislatura (il 19%) rappresenta un record.

Ma se la mentalità dei più rimane misogina (sui social c’è chi ha scritto “La prossima volta si presenterà in bikini” e chi l’ha esplicitamente definita “una “escort”) c’è chi prova a proiettare il Paese nel futuro e così sono arrivate posizioni in favore di Ryu da parte del Partito Democratico al governo e del suo partito, il Partito della Giustizia.

E Ko Min-jung del Partito democratico – ex giornalista ed ex portavoce del Presidente – ha ringraziato Ryu “per aver rotto con l’eccessivo rigorismo e autoritarismo del parlamento”.