Nave incagliata sta perdendo tonnellate di carburante: rischio disastro ambientale senza precedenti

tonnellate di carburante in marePreoccupazione alle Mauritius dove una nave carica di gasolio e altri combustibili ha iniziato a riversare carburante in mare da una crepa. Da giorni si trova incagliata e l’ecosistema è ora a rischio

È un disastro ambientale senza precedenti in questa area del mondo, quello in atto alle Mauritius. Una nave è rimasta incagliata in una scogliera dell’isola e tonnellate di carburante hanno iniziato a riversarsi in mare. L’imbarcazione trasportava 200 tonnellate di gasolio oltre a quasi 4000 tonnellate di altri combustibili e dal 26 luglio si trova bloccata nelle acque dell’Oceano Indiano ma da ieri, da una crepa dello scafo, il carburante ha cominciato a fuoriuscire in grande quantità diffondendosi per chilometri e creando una macchia scura ben visibile dall’alto.

Impossibile raggiungere la nave al momento

La preoccupazione è enorme perchè si rischia un disastro ecologico senza precedenti: il mare agitato ha portato alla perdita di carburante e al momento non è possibile raggiungere la nave per provare a stabilizzarla e avviare il pompaggio del carburante così da trasferirlo in un’altra imbarcazione impedendone la dispersione in mare. Il risultato è che enormi quantità di combustibile si sono già miscelate alle acque marine e ora si rischia la totale compromissione dell’ecosistema meraviglioso che circonda l’isola. Anche le ripercussioni economiche potrebbero dunque essere estremamente gravi. Nel frattempo l’accesso alle spiagge è stato vietato dalle autorità che stanno lavorando alacremnte per fare in modo che la nave si rompa o affondi: in quel caso infatti la situazione diventerebbe irreversibile.