“Mi avete ammanettata perché indosso un perizoma”: polizia contro una acrobata in una spiaggia USA

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:43

Acrobata in perizoma

La notizia è di qualche giorno fa ma sta circolando in Italia nelle ultime ore.

Manette ai polsi per una acrobata statunitense – accusata dalla polizia a Myrtle Beach, località balneare in South Carolina, di indossare un bikini troppo minimale.

Gli agenti hanno scortato la donna alle loro auto, dove le hanno letto un’ordinanza riguardante il pubblico decoro.

“Mi avete ammanettata perché indosso un perizoma”: ha raccontato.

Come possibile vedere dal video (che vi proponiamo in coda) c’è stato uno scambio di battute tra la acrobata e le forze dell’ordine, che la accusavano di apparire nuda su una spiaggia pubblica.

“Un perizoma non vuol dire essere nudi”, ha fatto notare la ragazze alle forze dell’ordine – che dal canto loro non hanno sentito ragioni e l’hanno ammanettata.

Pare che nella cittadina di Myrtle Beach è vietata per legge “l’esposizione in pubblico di specifiche parti anatomiche”, tra cui il sedere.

La legge prevede un avvertimento iniziale e nel caso la persona avvertita non faccia nulla per porre rimedio alla sua nudità si può arrivare fino ad una multa.

La vicenda è terminata con gli agenti che hanno rimosso le manette dai polsi della ragazza, rilasciata.

Ma rimane il fatto che è quantomeno insolito vedere una donna ammanettata per un bikini.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!