Uccise due 15enni dopo averle stuprate: condannato all’ergastolo nel 1988, verrà rilasciato entro Natale?

Colin Pitchfork

Sarà libero entro Natale Colin Pitchfork, balzato agli “onori” della cronaca per aver ucciso due adolescenti nella prima metà degli anni ’80.

L’uomo è stato teoricamente incarcerato a vita nel 1988 per lo stupro e l’omicidio delle studentesse adolescenti Lynda Mann e Dawn Ashworth.

Nel novembre del 1983 Pitchfork violentò e strangolò Lynda, 15 anni. Uscita di casa per visitare un amico, fu stuprata e il suo corpo fu trovato la mattina dopo.

Tre anni dopo Pitchfork violentò e uccise Dawn, anche lei 15 anni, in circostanze quasi identiche. Il suo corpo è stato trovato a meno di un miglio da dove fu ritrovato il corpo di Lynda.

Incastrato dal test del DNA, Pitchfork si è dichiarato colpevole dello stupro e dell’omicidio di Lynda e Dawn ed è stato condannato all’ergastolo (per una durata minima di 30 anni. Durata ridotta in appello a 28 anni nel 2009).

Questo novembre avrà un’udienza che potrà consentirgli di terminare la sua permanenza ultra trentennale dietro le sbarra: è lui stesso ad esprimersi fiducioso in tal senso. Nell’udienza del 2018 era stato ancora considerato un pericolo per il pubblico.

Oggi 60enne, Pitchfork ha avuto un percorso all’interno del carcere con corsi affinché il rischio di recidiva sia ridotto ai minimi ed ha ottenuto frattanto qualifiche in arte e design.

Pitchfork, che ora si fa chiamare David Thorpe, è noto frattanto per essere stato il primo uomo ad essere condannato per un crimine basato sul test del DNA e il primo ad essere catturato a seguito di uno screening di massa.

Pitchfork ha già avuto modo di entrare in contatto con l’ambiente extra carcerario, andando “in gita” nel vicino villaggio di Tortworth e anche a Bristol.