Riserva naturale di Vasto trasformata in “discoteca a cielo aperto”: aggiornamento dell’ultima ora- VIDEO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:20

Assembramento Vasto

Un occasione di festa che diventa un pericolo, ma anche un danno: ecco cosa sta accadendo a Vasto, dove la movida si è ritrovata per il programma “Sax On the beach”.

Centinaia di persone si sono ritrovate all’interno della riserva naturale di Punta Aderci, a Vasto, in Abruzzo.

Le persone, prive per lo più di mascherine e distanziamento sociale, si sono riunite in occasione del programma “Sax on the beach”. Il periodo non è dei migliori in Abruzzo, dove i 7 nuovi contagi di ieri provenivano appunto tutti dalla provincia di Chieti e dove uno stabilimento balneare di Fossacesia è addirittura arrivato a chiudere.

A denunciare la situazione è la Stazione Ornitologica Abruzzese, che in un comunicato ha parlato di discoteca a cielo aperto. In tutto sono 4 le associazioni ambientaliste ad aver diffidato l’amministrazione comunale. L’area interessata infatti è una riserva naturale, dove sono presenti delicati e precari equilibri oltre a specie protette di flora e fauna.

Un luogo non adatto al calpestio e al caos di una “fruizione incontrollata” come si legge nella nota della Stazione Ornitologica, che ricorda come le aree protette costituiscano solo il 10-15% del litorale non antropizzato, l’ultimo luogo dove piante e animali possono trovare rifugio. Insomma, ci sono altri luoghi per i concerti e un modo giusto per visitare un area protetta, specie se si vuole conservare la possibilità di ammirarne la bellezza in futuro.

Aggiornamento dell’ultima ora: il Comune annulla la manifestazione

Dopo la nota della stazione Ornitologica e l’intervento del WWF, oltre l’intervento della guardia costiera che ieri ha acquisito i documenti, il comune ha deciso di annullare l’evento.

Il comunicato recita: “L’amministrazione Comunale e la direzione artistica di Sax on the beach annunciano che la manifestazione nella splendida cornice di Punta Penna e Punta Aderci dovrà interrompersi a causa dell’impossibilità da parte di tutti di garantire le distanze anti-Covid”.”

Un dietro front motivato dalla sicurezza dunque, ed apparentemente spontaneo, su cui potrebbe aver influito l’esito della riunione di stamani nella Prefettura di Chieti. I Sindaci e il Comitato Provinciale per ordine e sicurezza pubblica hanno stabilito la non esecuzione di fuochi d’artificio in occasione di Ferragosto, per evitare assembramenti.

Speriamo che in futuro, ad emergenza risolta, verrà considerata, oltre alla sicurezza delle persone, anche la necessità di preservare i luoghi di cui i Comuni sono – o dovrebbero essere- custodi.

Leggi anche => Alpinisti perdono l’orientamento e restano bloccati a 2500 mt, soccorsi durante la notte in…

LEggi anche => Incidente stradale mortale in Abruzzo, morto un 22enne. Ancora una notte di sangue sulle…

 

 

 

 

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!