Incontreremo mai gli alieni? Secondo uno scienziato sì, e Marte sarà il nuovo laboratorio di vita

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:56

Secondo il Dottor Garik Isrealian gli esseri umani scopriranno in questa vita gli alieni, che, a detta sua, partirà da Marte, e sarà una rivelazione sensazionale per tutta l’umanità 

I quesiti riguardanti l’esistenza di altre forme di esseri viventi attanaglia appassionati e studiosi di tutto il mondo. Fra questi il Dottor Garik Israelian, che in un’intervista al The Sun ha palesato le sue convinzioni circa l’incontro degli esseri umani con altre forme di vita intelligente: Penso che scopriremo altre forme di vita intelligente durante la nostra esistenza. Almeno, troveremo chiare manifestazioni a riguardo. È il tipo di scoperta che scuoterà l’umanità” e ha aggiunto “Sarebbe piuttosto interessante per la scienza, ma penso che ci farebbe capire che la vita è una cosa così incredibile, e faremmo meglio a fare attenzione a ciò che stiamo facendo sul nostro pianeta”.

Marte come nuovo laboratorio di vita, ma potrebbe essere molto pericoloso 

Il Dottor Isrealian, astrofisico con alle spalle più di 500 articoli scientifici, ha indicato Marte come possibile nuovo laboratorio di ricerca di microbi alieni. La NASA, attraverso l’invio del rover Perseverance, sta raccogliendo sul pianeta rosso campioni biologici che possano testimoniare l’esistenza di forme di vita aliene. Ma l’impresa potrebbe essere molto pericolosa: secondo il Dottor Barry Di Gregorio, ricercatore onorario presso il Center For Astrobiology dell’Università di Buckingham, teme che i campioni possano contenere agenti patogeni mortali che potrebbero innescare future pandemie. Di Gregorio ha detto al Daily Star: “La superficie di Marte oggi è terribilmente fredda, si secca inesorabilmente e si ossida, quindi è improbabile che la vita come la conosciamo possa essere attiva” aggiungendo “la politica attuale è quella di trattare tutti i campioni di Marte riportati sulla Terra con la massima cautela“, e ha concluso “la NASA e l’ESA stanno lavorando con esperti internazionali dell’industria, del mondo accademico e delle agenzie governative per progettare e testare combinazioni di contenimento, sterilizzazione e disattivazione molecolare per soddisfare rigorosi standard di prevenzione ai danni all’ambiente terrestre da potenziale biologia extraterrestre”.

Leggi anche -> Le missioni spaziali rischiano di provocare pandemie extraterresti? La Nasa studia nuove misure di sicurezza

Leggi anche -> Scoperta la chiave per sopravvivere su Marte: è un fungo nero nel reattore di Chernobyl

Leggi anche -> Grande attesa per la missione NASA verso Marte di Perseverance: su Twitter #CountdownToMars è tendenza

Leggi anche -> Nasa scopre ossa “umane” su Marte? Facciamo chiarezza

 

 

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!