“Diana era ossessionata dalla morte”: il racconto degli ultimi giorni della Principessa nel documentario del maggiordomo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:52

Diana consumata dal pensiero di morire

Gli ultimi giorni della principessa Diana raccontati da Paul Burrel, che la descrive come “ossessionata dalla morte”, in seguito ad una tragedia che l’aveva particolarmente colpita.

L’ex maggiordomo reale Paul Burrel racconta in un documentario come fosse la vita della principessa Diana durante l’ultimo periodo. Secondo l’uomo Diana era perseguitata dall’idea di morire, dal giorno in cui era stata raggiunta dalla notizia della morte del suo amico Gianni Versace.

Diana in quei giorni era in vacanza nel sud della Francia insieme ai suoi figli, i principi William e Harry. Reduce dal divorzio con Carlo ed accantonato parzialmente la relazione con il cardiochirurgo Hasnat Khan, Diana si recò a St Tropez. Era il 1997 ed era ospite del proprietario di Harrod, Mohamed al-Fayed, che offrì alla principessa e ai suoi figli la privacy e la protezione che non le erano più garantiti in seguito al divorzio.

Il 15 luglio le giunse la notizia della morte dello stilista italiano, assassinato con colpi d’arma da fuoco sui gradini della sua casa a Miami Beach, in Florida.

La vita di Diana dopo la notiza

Diana era molto amica dello stilista e la principessa rientrò urgentemente dalla vacanza, per recarsi ai funerali di Versace. In questa occasione fu fotografata seduta tra Elton John e Sting così come riporta il Mirror.

Secondo Burrel, Diana era profondamente commossa, e da allora “la morte sembrava perseguitarla”, consumandola al solo pensiero. Solo poche settimane dopo restò vittima dell’incidente che le fece perdere la vita, avvenuto il 31 agosto.

“Il lancio di dadi nelle ultime ora di vita della principessa è stato molto sfortunato. Tutto ha remato contro di lei. Si trovava nel posto sbagliato al momento sbagliato”.

Priva ormai della sua scorta, Diana faceva affidamento su quella di Dodi. Il segretario privato di Diana racconta come dai filmati registrati prima della morte della principessa, potesse intuire che lei non era felice, ripresa in una posizione curva, come per proteggersi. “Sapeva che qualcosa non andava, ho l’orrenda sensazione che si sentisse insicura”.

Secondo Burrel, che ha accompagnato il principe Carlo a Parigi per rimpatriare il corpo di Diana dopo l’incidente, l’ex marito della principessa fu enormemente scosso dopo aver visto il cadavere. “Quando è uscito era bianco. Non lo avevo mai visto così prima. Si era reso conto improvvisamente dell’enormità di quello che era successo.”

Leggi anche => Lady Diana fu realmente assassinata? Spuntano le presunte prove di “Anonymous”

Leggi anche => Lady Diana, la sua salma sepolta altrove? Lo svela l’avvistamento di un fantasma: la…

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!