Cornavirus, Crisanti: “Non sono ottimista. Arriveremo ad almeno mille positivi giornalieri. I morti arrivano sempre dopo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:51

Crisanti

Intervistato dal Messaggero, è tornato a parlare il professor Andrea Crisanti, docente di Microbiologia dell’Università di Padova ed ex consulente del governatore del Vento Zaia.

E le sue parole fanno trasparire tutto fuorché ottimismo.

Ed è lui stesso a dirlo esplicitamente:

“Non sono ottimista, mi pare evidente che nel giro di 10-20 giorni arriveremo ad almeno mille casi positivi giornalieri. Quello che non si riesce a spiegare è che più i nuovi positivi aumentano, più crescono le possibilità di avere pazienti in terapia intensiva. E di vedere un incremento dei decessi, purtroppo”.

Parole che devono fare riflettere ma che fino ad ora non hanno riscontro nei numeri comunicati dal Ministero della Salute:

fortunatamente al momento il numero di malati in terapia intensiva è abbastanza esiguo (parliamo di 55 persone) e se è vero che c’è un aumento di positivi, è frattanto da considerare che c’è stato un aumento dei tamponi effettuati.

Riguardo alla diminuzione nel numero dei decessi, il professor Crisanti ci tiene a precisare:

“Purtroppo, questo dato può risultare ingannevole. Guardiamo a cosa sta succedendo negli Stati Uniti. Semplificando: i morti arrivano sempre dopo. Prima c’è un incremento di infezioni, poi, dopo 20-30 giorni, quello dei decessi. Certo, rispetto a marzo e aprile, il sistema sanitario sa rispondere meglio, curare con più efficacia i pazienti, ma già oggi registriamo casi gravi, già oggi vediamo aumentare il numero dei pazienti in terapia intensiva. Per questo sarebbe stato importantissimo tentare di raggiungere il traguardo dei contagi zero, era a portata di mano, abbiamo fallito”.

Bus affollato

E se Crisanti avrebbe categoricamente chiuso le discoteche, nutre ancora maggiori timori legati al periodo autunnale quando la gente tornerà in massa a prendere i mezzi di trasporto pubblico, dove sarà difficile garantire il distanziamento sociale:

“Secondo me aumenteranno sia il numero dei focolai, sia le loro vastità. Ma la verità è che dovevamo quest’ estate avvicinarci a zero casi. Sarebbe stato possibile. Io non so, per esempio, perché per tempo non abbiamo preso le contromisure per limitare i casi di rientro. Non parlo degli immigrati, che sono una parte molto marginale, penso a chi torna ad esempio dalle vacanze in altri paesi d’ Europa. Bisognava attivare i controlli prima, predisporre dei protocolli. Se necessario anche chiudere le frontiere“.

Anche perché il rischio è che i focolai vadano ingrandendosi e a quel punto si andrebbe incontro a lockdown locali:

“Il punto di rottura lo avremo quando i focolai, per dimensioni e per numero, riusciranno a sopraffare la capacità di risposta del sistema sanitario. Si passerà dalla trasmissione a focolaio a trasmissione diffusa. Mi spiace, ma a quel punto dovrà essere chiaro che le zone, le aree, in cui capiterà questo dovranno essere chiuse immediatamente. Non ci sarà alternativa ai lockdown locali“.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!