Adolescente si sta tramutando in pietra: “Se non verrà curato sarà sepolto nel suo corpo”

Un adolescente americano rischia di morire se non si troverà una cura che gli permetta di alleggerire il peso della sua pelle sugli organi.

Il giovanissimo Jaiden Rogers, adolescente del Colorado, si trova a dover lottare per rimanere in vita a soli 15 anni. Il ragazzo statunitense è affetto da una rarissima malattia conosciuta come sindrome da cute rigida. In poche parole la sua pelle si irrigidisce al punto da causargli disagi nei movimenti e da causare problemi di funzionamento agli organi interni. Sono solamente 40 le persone affette da questa malattia di cui si ha una documentazione medica, dunque sono pochi i centri medici in gradi di trattare una condizione come quella presentata dall’adolescente americano.

Leggi anche ->“Si sta tramutando in pietra”: la drammatica malattia genetica di una bimba di 7 anni

La prima volta che la madre Natalie ha notato che c’era qualcosa che non andava è stato nel 2013, quando ha trovato sul corpo del figlio degli strati di pelle rigida sulle gambe, sullo stomaco, sulle braccia e sul collo. Portato in ospedale, i medici gli hanno diagnosticato la rara sindrome. Da quel giorno i piccolo è costretto sulla sedia a rotelle ed i pezzi di pelle rigidi sullo stomaco e sulla schiena fanno pressione sugli organi interni del piccolo.

Leggi anche ->Dramma per la star di Junior Masterchef: a tre anni dalla morte dei genitori, diagnosticata una malattia rara

Adolescente si sta tramutando in pietra: viaggio in Italia per le cure

Parlando della malattia con i media locali, la madre Natalie ha spiegato: “I medici mi hanno detto che se non verrà sottoposto ad un trattamento rimarrà sepolto nel suo stesso corpo. Il suo corpo si tramuterà in pietra poiché questa malattia infatti parte dall’interno e si fa strada verso la pelle. Una volta raggiunta la cute significa che tutto il sottopelle è duro come la pietra”. Il piccolo Jaiden verrà portato dai genitori in Italia, in un centro specializzato per il trattamento di questa malattia. La speranza è che le cure facciano effetto e che l’adolescente possa tornare a condurre una vita normale.