Stasera in tv, The Butler – Un maggiordomo alla Casa Bianca: trama, cast e curiosità

The Butler

The Butler – Un maggiordomo alla Casa Bianca, è un film di genere drammatico, uscito nelle sale cinematografiche nel 2013.

È diretto da Lee Daniels.

Il film andrà in onda stasera, in prima serata su Rete 4.

The Butler – Un maggiordomo alla Casa Bianca: trama

Cecil Gaines è un maggiordomo afroamericano che ha lavorato per quasi 30 anni alla Casa Bianca.

Egli ha conosciuto tutti i presidenti che dal 1957 al 1986, si sono alternati per la prestigiosa carica: Dwight D. Eisenhower, John F. Kennedy, Lyndon B. Johnson, Richard Nixon, Gerald Ford, Jimmy Carter e Ronald Reagan.

Il maggiordomo, ormai anziano, si ritrova di nuovo alla Casa Bianca, perché è stato convocato dal nuovo presidente degli Stati Uniti d’America: Barack Obama.

Mentre si trova nella sala d’attesa della prestigiosa reggia, ripensa a tutti gli avvenimenti della sua vita passata, a tutto il suo percorso contornato da mille difficoltà, che lo hanno reso una persona degna di stima.

La storia di Cecil Gaines

La vita di Cecil non è stata affatto facile, considerando anche il suo colore della pelle, che a quel tempo era ancora preda di numerosi razzismi e pregiudizi.

Da bambino fu costretto a lavorare a soli sette anni, in una piantagione di cotone in Georgia, con la sua famiglia, venendo sfruttati da una ricca famiglia di pelle bianca, i Westfall.

Quest’ultimi erano tutt’altro che brave persone, infatti un giorno, Thomas Westfall, il capofamiglia, conduce in un granaio la madre di Cecil per violentarla.

In seguito uccide il padre perché aveva commesso l’imperdonabile crimine di rivolgergli la parola.

Rimasto orfano, il bambino viene preso dalla signora Annabeth, per farlo lavorare come servo nella sua casa, insegnandogli tutti i rudimenti del mestiere.

La donna insegna anche a Cecil, il comportamento da adottare con i suoi padroni bianchi, ossia un atteggiamento servile, senza mai obiettare nulla.

Quando nel 1937 tutti i crimini di Westfall vengono scoperti e l’uomo viene giustiziato, il ragazzo, ormai 18enne, decide di salutare sua madre, divenuta muta dopo la violenza subita e partire per cercare fortuna.

In cerca di un futuro migliore

Cecil si mette in viaggio e durante il percorso, preso dalla fame, compie una piccola rapina in una pasticceria.

Per sua fortuna viene visto da Maynard, una guardia nera come lui, che capisce il suo stato d’animo e gli offre un lavoro: dovrà servire i clienti di pelle bianca.

Qualche anno dopo, Maynard, riceve una proposta di promozione, ma essendo troppo vecchio per ricominciare una nuova vita, decide di raccomandare il giovane Cecil, che una volta analizzata bene la proposta, ossia lavorare in un lussuoso hotel a Washington, decide di non lasciarsi sfuggire questa occasione.

Dopo molti anni in hotel, viene notato dal capo del personale della Casa Bianca, che decide di raccomandarlo per lavorare come maggiordomo nelle residenza presidenziale.

Intanto anche la vita sentimentale di Cecil va a gonfie vele, ha conosciuto una donna di nome Gloria, si sono sposati e hanno avuto due figli: Charles e Louis.

Il suo servizio alla Casa Bianca

Inizia così il lavoro di Cecil alla Casa Bianca, ma l’unico non contento del traguardo raggiunto, è il primogenito di Cecil, Louis, consapevole del fatto che non potrà mai ambire a lavori prestigiosi, a causa del colore della sua pelle.

Neanche il padre condivide la scelta di Louis di iscriversi all’università Fisk di Nashville, perché è un college frequentato dai neri, con un forte movimento segregazionista.

Ma i problemi per il maggiordomo non sono finiti qui.

Louis prende parte a molte battaglie a favore dei diritti dei neri e più di una volta viene arrestato, mentre sua moglie Gloria, cade nel tunnel dell’alcolismo ed inizia ad avere un legame con il suo vicino di casa Howard.

Nel 1961 subentra alla Casa Bianca il presidente Kennedy e Cecil non perde occasione per parlargli delle battaglie del figlio.

A causa di un fatto razzista, avvenuto a Birmingham, il nuovo presidente istituisce una legge chiamata: Civil Rights Act, contro la segregazione razziale e la disparità di registrazione nelle elezioni.

The Butler

The Butler – Un maggiordomo alla casa bianca: le battaglie di Louise

Dopo la morte di Kennedy, Louis continua con sempre più determinazione, le proprie battaglie, entrando anche a far parte del movimento di Martin Luther King .

Quando quest’ultimo viene assassinato, Louise decide di tornare a casa dopo molti anni.

Qui il ragazzo, presenta Carol, la sua compagna e annuncia alla famiglia la loro adesione nelle Pantere nere, un movimento di protesta violenta contro i bianchi.

Cecil disapprova e tra i due avviene una grande litigata, che porterà il maggiordomo a cacciare di casa suo figlio e Carol.

Il secondogenito di Cecil, Charlie, si arruola nell’esercito per combattere la guerra del Vietnam e purtroppo muore durante una battaglia.

A causa di ciò, Louis decide di tornare sulla retta via, riprendendo i suoi studi, ma suo padre non vuole più avere niente a che fare con lui, perché non gli ha perdonato la sua assenza al funerale del fratello.

Dopo una serie di eventi, Cecil decide di abbandonare la Casa Bianca dopo trent’anni di servizio e di far pace con suo figlio.

The Butler – Un maggiordomo alla casa bianca: curiosità

Il film è basato sulla storia di Eugene Allen, maggiordomo della Casa Bianca per tre decenni.

La sua storia è stata scritta dal giornalista Wil Haygood, nell’articolo di giornale: A Butler Well Served by This Election, pubblicato su The Washington Post.

Nel film appare anche la grande artista americana: Mariah Carey.

Il cast

Forest Whitaker: Cecil Gaines
Oprah Winfrey : Gloria Gaines
David Oyelowo: Louis Gaines
Lenny Kravitz: James Holloway
Cuba Gooding Jr.: Carter Wilson
Robin Williams: Dwight Eisenhower
John Cusack: Richard Nixon
James Marsden: John F. Kennedy
Alan Rickman: Ronald Reagan
Minka Kelly: Jackie Kennedy
Liev Schreiber: Lyndon B. Johnson
Jane Fonda: Nancy Reagan
Alex Pettyfer: Thomas Westfall
Vanessa Redgrave: Annabeth Westfall
Mariah Carey: Hattie Pearl