L’accusa di Vittorio Sgarbi: “Ma se siamo in emergenza, perché continuare a far arrivare i migranti?”

Nel corso della trasmissione televisiva ‘Quarta Repubblica’, Sgarbi ha accusato il Governo di essere complice di una evidente contraddizione in questa fase di emergenza sanitaria.

Nei giorni scorsi Vittorio Sgarbi, sindaco di Sutri, ha vietato l’uso delle mascherine nel paese in provincia di Viterbo. Ma egli continua a far parlare di sé. Ospite del programma televisivo ‘Quarta Repubblica’ condotto da Porro, Sgarbi ha polemizzato sulla gestione dell’emergenza sanitaria in questo periodo.

Egli ha accusato il Governo per il continuo arrivo dei migranti nel nostro Paese: “La curva del contagio è arrivato al punto più basso, ma se la posizione dello Stato è quella dell’emergenza perché continuare a far arrivare i migranti? Come sarò attento ai bambini nelle scuole starò attento ai migranti, o no?”.

Vittorio Sgarbi contro le decisioni del Governo: “Imponiamo le mascherine, ma continuiamo a far sbarcare persone a rischio. C’è una contraddizione”

Vittorio Sgarbi ha puntato il dito contro l’evidente contraddizione, a suo avviso, delle norme severissime da rispettare da parte degli italiani e del continuo sbarco di migranti.

Egli ha continuato: “Siamo in stato d’emergenza per la sanità, imponiamo le mascherine e siamo severissimi, ma ci mettiamo a far arrivare persone a rischio, allora c’è una profonda contraddizione”.