Adolescente affetta da tremendi dolori durante il ciclo scopre di avere due vagine

Dopo anni di atroci sofferenze e di diagnosi errate un’adolescente scopre che la causa delle sue sofferenze era una doppia vagina.

L’adolescente britannica Molly-Rose Taylor (19 anni) ha deciso di portare la propria testimonianza sul web per accrescere la consapevolezza delle giovani e delle donne sulla possibilità di avere un doppio apparato riproduttivo. Comunemente conosciuto come utero didelfo,  si tratta di una malformazione genetica dell’utero e dunque di una problematica congenita. Consiste nella presenza di un doppio apparato riproduttivo: due corpi dell’utero, due cervici e molto spesso anche due vagine. Le tube di Falloppio, invece rimangono due nonostante il doppio apparato.

Leggi anche ->Dramma per la star di Junior Masterchef: a tre anni dalla morte dei genitori, diagnosticata una malattia rara

In molti casi la condizione genetica non causa problematiche alle donne che ne sono affette, tanto che se ne rendono conto solo durante la fase di gravidanza. L’utero didelfo, infatti, può portare a complicanze durante la gestazione ed anche all’aborto spontaneo del feto. Ci sono altri casi, invece, in cui la presenza del doppio apparato riproduttivo può portare a forti dolori durante il ciclo mestruale e durante i rapporti sessuali.

Leggi anche ->Il suo obiettivo? Avere la “vagina più grassa del mondo”. La storia di Mary Magdalene

Adolescente scopre di avere due vagine dopo anni di sofferenze

Prima che i medici comprendessero quale fosse la causa dei dolori di Molly-Rose ci sono voluti più di 5 anni. Inizialmente, infatti, i dolori mestruali acuti che accusava sono stati etichettati come una normale fase. Per i medici, infatti, si trattava del corpo non abituato ai cambi fisiologici dovuti al periodo. La ragazzina ha preso per buona questa interpretazione finché non ha cominciato ad avere rapporti sessuali. In quel momento si è resa conto che il dolore era troppo intenso e che non era possibile per lei fare attività sessuale.

Ciò nonostante i normali esami ginecologici non mostravano nulla di anormale e quelli fatti successivamente per appurare la presenza di polipi o cisti, così come l’endometriosi erano serviti a dimostrare che non c’era alcuna problematica. Solo dopo che l’adolescente ha cominciato a cercare su internet c’è stata una svolta: Molly-Rose ha letto della possibilità della presenza di un doppio apparato riproduttivo ed è andata a fare uno scan vaginale che ha confermato che proprio quello era il suo problema.

Visti i dolori provati e lo spessore dello stato di pelle all’interno della vagina, i medici hanno optato per la rimozione chirurgica della seconda vagina. Adesso l’adolescente è in grado di vivere una vita normale e dovrà solo pianificare per tempo l’eventuale gravidanza.