Intervento da record in ospedale: asportati sei organi ad un uomo con un tumore

asportati sei organi ad un uomoPer impedire la diffusione di una massa tumorale ad un 67enne sono stati asportati sei organi. I dettagli dell’eccezionale intervento avvenuto a Napoli

Intervento chirurgico a dir poco estremo (positivamente parlando) quello eseguito all’ospedale Del Mare, a Napoli, dall’equipe della Uoc di Chirurgia Generale, diretta da Pietro Maida, in collaborazione con il team anestesiologico, guidato da Pio Zannetti. Un’operazione durata ben sei ore nel corso della quale sono stati asportati sei organi ad un paziente di 67 anni, affetto da un tumore al pancreas che aveva però compromesso anche stomaco, rene, surrene e colon. L’uomo è stato anzitutto sottoposto a diversi cicli di chemioterapia presso la Uoc di Oncologia per ridurre il più possibile la massa tumorale. A seguire gli sono stati asportati corpo-coda del pancreas, la milza, la flessura splenica del colon, l’intero stomaco, rene e surene sinistri, oltre alla completa asportazione dei linfonodi dell’arteria mesenterica superiore e del tripode celiaco.

L’intervento è durato oltre sei ore

L’intervento è stato caratterizzato anche dalla delicata fase ricostruttiva nel corso della quale sono stati ricongiunti esofago ed intestino per consentire al paziente di alimentarsi normalmente. Già il giorno seguente il 67enne è riuscito ad ingerire i primi alimenti morbidi per poi essere dimesso tredici giorni dopo l’intervento. Maida ha dichiarato: “Nel corso dell’ultimo anno, la nostra attenzione è stata rivolta prevalentemente alla cura delle patologie tumorali addominali. Queste ultime trattate con tutte le tecniche e le tecnologie di cui disponiamo, con approccio open, laparoscopico e robotico, arrivando a sfiorare la soglia dei 200 casi di tumori addominali sottoposti ad intervento chirurgico”.