Coronavirus, alcuni farmaci steroidei diminuiscono di un terzo i decessi nei pazienti gravi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:31

I farmaci steroidei attenuano i decessi nei pazienti gravi. Sarebbe questa la conclusione di alcuni studi condotti da diversi medici nella lotta al Covid-19.

Diversi medici convocati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità hanno condotto molti studi sui farmaci steroidei per curare i pazienti gravi affetti da Covid-19. L’analisi pubblicata ieri sul ‘Journal of the American Medical Association’ evidenzia come un certo numero di corticosteroidi hanno aiutato a ridurre i decessi di Covid-19 di circa un terzo nei pazienti gravi.

I corticosteroidi sono dei particolari farmaci anti-infiammatori che, secondo tali studi, riescono ad attenuare gli effetti di un sistema immunitario iperattivo.

Tali farmaci sembrerebbero essere utili esclusivamente nei pazienti gravi e non nella fase iniziale della malattia.

Farmaci steroidei riducono i decessi da Covid-19 nei pazienti gravemente malati

Lo studio ha trovato benefici molto consistenti per l’uso dei farmaci in pazienti gravemente malati. Infatti, su 678 pazienti gravemente malati che hanno ricevuto tali steroidi, il 32,7% è morto, rispetto al 41,5% dei pazienti curati in modo abituale.

Questi farmaci sono assolutamente a basso costo e si trovano in modo semplice sul mercato. Essi potrebbero diventare trattamenti standard per i casi gravi di Covid-19. Queste le inequivocabili parole di Derek C. Angus, professore di medicina critica all’Università di Pittsburgh: “Questo mi sembra una delle prime vittorie inequivocabili nel tentativo di combattere il Covid-19”.

Il dottor Angus, inoltre, ha raccomandato prudenza, sostenendo come sia ancora presto per sapere con certezza come funzionano gli steroidi per trattare la malattia causata dal nuovo coronavirus, ma che essi sembrano attenuare la risposta immunitaria iperattiva.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!