Neonato trovato morto in un’aiuola con il cordone ombelicale attaccato, il Sindaco: “tragedia infinita”

Il corpicino è stato rinvenuto in un’area verde vicino Salerno. Avviate le indagini per scoprire il responsabile e comprendere le dinamiche del decesso

Shock a Roccapiemonte (Salerno), dove un neonato è stato gettato nell’aiuola ancora con il cordone ombelicale attaccato. Il corpicino senza vita è stato rinvenuto all’interno dell’aiuola su via Roma da un residente che ha immediatamente allertato le forze dell’ordine. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione locale, quelli della compagnia di Mercato San Severino, la polizia municipale e quella scientifica.

Era ferito alla testa

Il corpo, dopo un primo esame esterno del medico legale, è stato trasferito presso l’obitorio dell’ospedale di Nocera Inferiore, dove sarà sottoposto ad autopsia.

Da una prima analisi è stata rinvenuta una ferita alla testa oltre che il cordone ombelicale attaccato, aspetto che induce gli investigatori a pensare che il piccolo fosse nato da poche ore. Resta da appurare se la ferita riportata sia antecedente alla morte o sia stata causata dalla caduta. Le indagini saranno coordinate dal pubblico ministero Roberto Lenza della Procura della Repubblica di Nocera Inferiore.

Il sindaco: “tragedia infinita”

Sotto shock tutta la comunità di Roccapiemonte, che conta  8.923 abitanti. “E’ una tragedia immane che ha scosso la nostra comunità”, ha dichiarato ai giornalisti dell’Ansa Carmine Pagano, primo cittadino di Roccapiemonte che ha aggiunto: “spero che questa storia possa risolversi presto, chiunque sia il colpevole resta una tragedia infinita“.

I testimoni: “Sembrava che dormisse, aveva le formiche sul corpo”

I testimoni della scena, intervistati da Fanpage, hanno dichiarato: “Stavo uscendo con mia moglie, sono andato in garage“, racconta uno degli astanti, “quando ho visto qualcosa nell’aiuola. Sembrava un giocattolo, un bambolotto. Ho chiamato il mio amico che era qua vicino, gli ho detto di dare un’occhiata. E lui si è accorto subito che fosse un bambino“;

“Sembrava dormisse”, ha riferito la moglie, seconda testimone della scena; sul corpo, inoltre, sono state viste “delle formiche che camminavano”.

Se inizialmente alcune testate hanno riferito che il corpo fosse stato avvolto in un lenzuolo, secondo quanto riportato dai testimoni il corpo era stato poggiato nella terra senza alcuna protezione da qualcuno che si è poi allontanato dal posto.

Leggi anche -> Neonato abbandonato in Cina, il piccolo divorato dalle formiche: un passante lo salva

Leggi anche -> Giovannino, la commovente storia del neonato abbandonato dai genitori: ha una malattia rarissima

Leggi anche -> Neonato abbandonato nei pressi del cimitero di Rosolina Mare: c’è il lieto fine