Willy Monteiro Duarte ucciso a Colleferro, i fratelli Bianchi respingono le accuse: “Non lo abbiamo toccato” – VIDEO

I fratelli Bianchi sono accusati per l’omicidio di Willy Monteiro Duarte, i due hanno respinto le accuse contro di loro, ecco cosa hanno detto durante l’interrogatorio

Willy Monteiro Duarte pochi giorni fa è stato ucciso a calci e pugni a Colleferro per aver difeso un suo compagno di scuola, i fratelli Marco e Gabriele Bianchi sarebbero gli aggressori che hanno ucciso il giovane 21enne.

Uno dei genitori dei fratelli Bianchi davanti alla Caserma dei Carabinieri al padre di uno degli amici di Willy avrebbe detto: “Cosa hanno fatto? Non hanno fatto niente. Hanno solo ucciso un extracomunitario”. Questo dettaglio, e non è l’unico, ha portato gli inquirenti ad approfondire l’ipotesi dell’aggravante razziale.

Altri indizi fanno pensare che dietro il brutale gesto degli aggressori ci sia la xenofobia, sbirciando il profilo Facebook di Gabriele Bianchi si vede che circa nove anni fa aveva commentato un fatto di cronaca con queste parole: “Lurido egiziano de m…”. 

I due fratelli hanno respinto le accuse contro di loro, durante l’interrogatorio di convalida dell’arresto per l’omicidio del 21enne hanno detto: “Non lo abbiamo toccato. Respingiamo ogni accusa. Siamo intervenuti per dividere, abbiamo visto un parapiglia e siamo arrivati”. Il loro legale ha fatto sapere che entrambi sono ‘dispiaciuti e distrutti per un omicidio che non abbiamo commesso’. 

Sara Fonte