Usa, 13enne autistico disarmato viene sparato dalla polizia mentre ha un attacco epilettico

La madre aveva contattato il 911 per chiedere aiuto mentre il figlio aveva una crisi epilettica, ma gli agenti gli hanno sparato vari colpi di pistola 

 

“Perché non l’avete semplicemente placcato?”: lo ripete in lacrime e in preda alla disperazione Golda Barton, la madre del 13enne autistico Linden Cameron, sparato più volte dalla polizia mentre era in preda ad una crisi epilettica. L’episodio è avvenuto venerdì scorso nell’Utah, a Salt Lake City.

Una lettera di sostegno e solidarietà da parte della comunità di Salt Lake

Il tredicenne disabile era disarmato

Parole, quelle della madre, che lasciano senza letteralmente senza fiato e che fanno divampare un’ondata di rabbia, soprattutto alla luce degli ultimi avvenimenti che hanno coinvolto moltissimi agenti della polizia americana.

Leggi anche -> Afroamericano con disturbi mentali incappucciato e ucciso dalla polizia: emerge il video

La Barton aveva contattato il 911 dopo che, rientrando a casa dopo la prima giornata di lavoro da più di un anno, aveva trovato Linden, che soffre di sindrome di Asperger, in preda ad una crisi epilettica da ansia di separazione. Ma quella richiesta di aiuto ha portato ad un tragico epilogo: gli agenti giunti sul posto hanno intimato al 13enne di mettersi a terra e poi, non ascoltati, hanno aperto il fuoco, colpendo l’adolescente diverse volte. 

Attualmente si trova in gravi condizioni in ospedale dopo aver riportato importanti ferite alla spalla, alle caviglie, all’intestino e alla vescica. “Non era armato, stava cercando di attirare l’attenzione. Gli agenti avrebbero dovuto usare il minimo della forza”, ha spiegato Golda Barton alle telecamere di Kutv, un’ente televisivo locale. Gli agenti di Salt Lake in tutta risposta si sono giustificati affermando di essere stati chiamati per un problema psichico violento che riguardava un ragazzo armato. Ma secondo i media locali non era presente nessuna arma nell’appartamento.

Gli inquirenti hanno fatto partire un’inchiesta per far luce su quanto accaduto, voluta anche dal sindaco della città, Erin Mendenhall.

Leggi anche -> Jacob Blake colpito da sette colpi di pistola: un nuovo caso di violenza della polizia ai danni di un nero negli States

Leggi anche -> “Non posso respirare”: così la polizia negli States uccide ancora. Stavolta un ispanico

Leggi anche -> Usa, agenti uccidono un altro afroamericano: scattano nuove proteste a Los Angeles

Leggi anche -> Wisconsin, infiammano nuove proteste nella notte dopo l’ennesima sparatoria contro un afroamericano