Rimane bloccata in autostrada senza benzina, mamma viene derubata e violentata davanti ai figli

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:57

Effettuati dodici arresti dopo l’ondata di indignazione che ha colpito il Pakistan. Il primo ministro Imran Khan:” Giustizia il prima possibile”

La polizia sta ricercando i due uomini che avrebbero violentato una mamma davanti ai suoi due figli. Accade in Pakistas, dove un totale di 12 persone sono state arrestate.

Derubata, aggredita e violentata in autostrada

La donna era rimasta bloccata in autostrada dopo che la sua automobile aveva terminato la benzina. Si era così accostata per chiamare una pattuglia di polizia, ma al telefono le è stato riferito che nessun agente era stato assegnato nell’area di Gujjarpura nelle prime ore di martedì.

Poi la vicenda drammatica: due uomini hanno sfondato il finestrino della sua auto e hanno costretto la donna e i suoi due figli a seguirli tra i cespugli, come è stato riferito da Geo News. La coppia l’ha derubata, tolto i documenti e gli oggetti di valore per poi violentarla, il tutto davanti ai suoi figli.

Il premier pakistano ha twittato che sta seguendo da vicino il caso e di aver chiesto agli investigatori di “arrestare e condannare le persone coinvolte nell’incidente il prima possibile”, per poi ribadire l’impegno da parte del governo sulla volontà di rafforzare le leggi attualmente in vigore sulle violenze, dato il preoccupante incremento di casi di stupro che coinvolgono donne e bambini.

L’ispettore generale della polizia del Punjab Inam Ghani ha dichiarato di aver individuato il villaggio da cui i colpevoli provengono. Sono attualmente 20 le pattuglie di polizia coinvolte e finora hanno effettuato un totale di 12 arresti.

Leggi anche -> Madre esce per fare la spesa, individuo irrompe in casa, stupra e uccide la figlia 13enne

Leggi anche -> Uomo uccide la fidanzata, la figlia di lei e il loro cane prima di suicidarsi. La ragazzina è stata anche violentata

 

 

 

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!