Fuoco devasta la West Coast americana, salgono a 17 le vittime: “sono previste altre morti”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:06

Solo nella contea di Butte, in California, sono state trovate dieci persone senza vita questa notte. 16 i dispersi, distrutte centinaia di abitazioni e attività commerciali

Sale a 17 il numero delle vittime a Oregon, California e Washington a causa dei terribili indenti che stanno devastando tutta la costa occidentale degli Stati Uniti. Secondo quanto dichiarato dalla governatrice dell’Oregon, Kate Brown, la situazione potrebbe indubbiamente peggiorare. Ai decessi si aggiungono 16 persone che attualmente sono disperse e le cui ricerche sono in corso.

La Brown ha dichiarato lo stato di emergenza il 10 settembre, dopo settimane che gli incendi stanno divampando e distruggendo la Sierra Nevada e la baia della città di San Francisco. I residenti locali hanno definito il grande incendio ‘Creek Fire’.

 

Un numero di incendi senza pari

Una situazione, questa, senza precedenti: secondo l’Oregon Office of Emergency Management al momento ci sono 35 i roghi attivi, che solo nel pomeriggio di ieri hanno bruciato circa 900 mila acri di terra. Da lunedì scorso le fiamme hanno devastato circa 500 miglia quadrate, che corrispondono a più o meno 1295 chilometri quadrati.

Nelle ultime 24 ore, l’Oregon ha subito incendi senza precedenti, con conseguenze devastanti in tutto lo stato”, ha detto la Brown in una dichiarazione giovedì, “la nostra priorità numero uno in questo momento è salvare vite umane. Questa potrebbe essere la più grande perdita di vite umane e proprietà a causa di incendi nella storia del nostro stato”, ha aggiunto.

Scenario post apocalittico a San Francisco 

Nel frattempo la coltre di fumo causata dagli incendi che stanno colpendo tutta la costa occidentale ha invaso la città di San Francisco,trasformando il suo sky line in una scena post apocalittica che molti hanno accostato al film fantascientifico ‘Blade Runner’.

L’intensità del fumo, infatti, non ha fatto penetrare i raggi del sole nella città: come spiegato dal meteorologo della Cnn Judson Jone “Quando il fumo e la cenere diventano ancora più densi vicino agli incendi, la luce del sole si puo’ bloccare completamente, facendo sembrare di essere nel cuore della notte”. Al di là dello scenario a dir poco angosciante, sulla città sta continuando a cadere una pioggia di cenere che si sta depositando sulle strade, rendendo l’aria irrespirabile.

Distrutte centinaia di case e attività commerciali

Secondo quanto riportato dall’emittente televisiva statunitense Abc News, l’incendio di Almeda, nella contea di Jackson, situata nella parte meridionale dello stato, ha devastato le città di Phoenix e Talent, dove sono state distrutte centinaia di case e attività commerciali. L’ufficio dello sceriffo della contea di Jackson, Nate Sickler, ha detto che sono previste altre morti a causa dell’intensità degli incendi che non potrà essere limitata facilmente.

Incendi visti dall’alto

Sempre Sickler ha dichiarato all’emittente televisiva che è stata avviata un’indagine penale con il fine di poter determinare il punto di origine dell’incendio di Almeda, dove sono stati trovati resti umani.

Leggi anche -> Maledizione Beirut: un nuovo devastante incendio nel porto dell’esplosione del 4 agosto – VIDEO

Leggi anche -> Spaventoso incendio manda in fumo 5 preziosi ettari di macchia mediterranea, è un disastro

Leggi anche -> Spaventoso incendio vicino Los Angeles: 7.800 persone evacuate a causa di Apple Fire

Leggi anche -> Rogo nella Cattedrale di Nantes, è stato un incendio doloso: la confessione del volontario

Leggi anche -> Spaventoso incendio scuote San Francisco: distrutta parte dello storico molo cittadino

 

 

 

 

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!