Siamo soli nell’Universo? Identificati quattro ‘corpi celesti’ che potrebbero ospitare forme di vita

Superficie marte

Un ricercatore ha identificato i quattro corpi celesti con le condizioni ideali per ospitare forme di vita ‘aliena’.

Dopo le recenti scoperte riguardo alle tracce di un gas, la fosfina, nell’atmosfera di Venere. Si aprono nuovi scenari e possibilità riguardo alla ricerca di tracce di forme di vita al di fuori della Terra.

Gaeth Dorrian, ricercatore post-dottorato all’Università di Birmingham ha designato quattro corpi celesti con la più alta probabilità di contenere tracce biologiche che riconducano alla presenza di organismi viventi: si tratta di Marte, Europa, Encelado e Titano.

I quattro candidati più validi ad ospitare la vita ‘extra-terrestre’

Marte è uno dei pianeti in cui da sempre si ricercano le possibili tracce che confermino l’esistenza della vita aldilà del nostro Pianeta, ed è uno dei pianeti del sistema solare più somiglianti alla Terra. In particolare, come spiega Dorrian, se nelle profondità della superficie del pianeta rosso ci fossero riserve di acqua si potrebbe arrivare a rilevare la presenza di qualche organismo vivente.

forme di vita su Marte

Europa è uno dei satelliti naturali di Giove, si ritiene che al di sotto della sua superficie ghiacciata ci siano altissime probabilità che siano presenti ambienti simili alle bocche idrotermali della Terra, e quindi ci possano essere microrganismi simili a quelli presenti nei nostri oceani.

Europa

Un altro satellite, questa volta di Saturno, è anch’esso un buon candidato alla presenza di forme di vita. Si tratta di Encelado, nei cui geyser è stata ritrovata anidride carbonica e altri elementi organici che rappresenterebbero una prova della presenza di sorgenti idrotermali nelle profondità, si tratterebbe di ambienti con una composizione tale da renderli compatibili con la vita.

Encelado

Infine, Titano, il più grande satellite di Saturno, la cui temperatura in superficie è di quasi -180 °C.

LEGGI ANCHE => La Nasa e l’asteroide di 36 metri che “sfiorerà” la Terra martedì: è davvero allarme?

La sua atmosfera è una delle più simili a quella terrestre e potrebbe aver ospitato delle forme di vita molto diverse da quelle che siamo abituati a vedere sulla Terra.

Titano

Questi organismi, infatti, per poter sopravvivere nelle particolari condizioni di Titano dovrebbero essere in grado di non necessitare acqua allo stato liquido.

(Immagini tratte da Photojournal Nasa)