La leghista Susanna Ceccardi perde anche a Cascina, il comune dove fu sindaco

Clamorosa débacle per Susanna Ceccardi. Oltre ad aver perso le elezioni Regionali in Toscana, la leghista ha preso meno voti del neo eletto Eugenio Giani (Pd) anche a Cascina, dove fu sindaco fra il 2016 e il 2019.

La candidata della Lega alle Regionali in Toscana, Susanna Ceccardi, ha perso il confronto diretto con l’esponente del Pd Eugenio Giani. Il risultato è stato abbastanza netto. Giani ha ottenuto il 48,6 % delle preferenze dei toscani, mentre la Ceccardi si è fermata solo al 40,4%.

Probabilmente la Ceccardi non sarà capo dell’opposizione al Consiglio regionale della Toscana, ma tornerà fra i banchi europei in quanto europarlamentare.

Ma oltre alla netta sconfitta in regione, un dato rilevante riguarda anche i voti che si sono registrati a Cascina, dove la Ceccardi fu sindaco fra il 2016 e il 2019. Anche i suoi ex concittadini hanno voltato le spalle alla giovane leghista.

Susanna Ceccardi sconfitta in Toscana e anche a Cascina. Clamorosa débacle per la candidata della Lega

A Cascina il risultato per la Ceccardi è stato davvero pesante. Infatti, la leghista ha preso solo 9.278mila voti, pari ad appena il 38,91%. Il piddino Giani, invece, a Cascina ha ottenuto ben 11.700mila voti, pari al 49,07%.

Galoppa l’ironia su questa sconfitta della Lega in rete. Un utente scrive: “Di solito chi li ha conosciuti da vicino e sperimentati sulla propria pelle, ha buona memoria…”. Un altro utente ancora: “Nei comizi elettorali Salvini aveva parlato del buon governo di Susanna Ceccardi a Cascina. Ma nella città in cui la leghista è stata sindaca ha vinto Eugenio #Giani (con il Pd primo partito)”.