Uomo travestito da medico della peste terrorizza una cittadina britannica. Ma il suo non è reato – VIDEO

Un uomo vestito da medico della peste sta terrorizzando la popolazione in una cittadina britannica, in Galles.

Pur non rappresentando reato, le forze dell’ordine vorrebbero comunque parlare con la persona che in questi giorni sta girando travestito in questa maniera giacché la cittadina in questione (Gloucester) sta vivendo una vera e propria psicosi.

Come fatto da notare da alcuni tabloid inglesi che hanno riportato la notizia, su internet è possibile acquistare la maschera per meno di 20 euro.

Ma magari è meglio aspettare Halloween o carnevale.

Cos’è e quando è stato inventato l’abito del medico della peste?

Se in questi tempi di pandemia da coronavirus ci siamo abituati agli operatori sanitari bardati come astronauti, ai tempi della peste i medici si vestivano con appositi abiti, costituiti da una sorta di tonaca nera lunga fino alle caviglie, guanti, scarpe, un cappello e soprattutto una caratteristica maschera a forma di becco.

L’utilità di una maschera di questo tipo era legata al fatto che al suo interno fossero contenute essenze aromatiche e paglia, che agivano da filtro e che avrebbero dovuto impedire il passaggio degli agenti infettanti.

Ovviamente, si trattava di una credenza, giacché la peste non veniva fermata semplicemente da paglia ed essenze aromatiche.

La maschera a forma di becco è una invenzione nostrana (era in uso soprattutto a Roma e Venezia) ma l’idea di un indumento completo fu proposta nel 1619 da Charles de Lorme, medico di Luigi XIII, prendendo come spunto le armature dei soldati.