Travolto sulle strisce, Giuseppe non ce l’ha fatta: morto a 26 anni dopo 5 giorni di agonia

travolto sulle strisceHa lottato per cinque giorni tra la vita e la morte ma è deceduto: i genitori del giovane di Acerra scomparso a 26 anni, hanno deciso di donare i suoi organi

La sua famiglia ha sperato fino all’ultimo che riuscisse a sopravvivere ma purtroppo Giuseppe non ce l’ha fatta. A soli 26 anni il giovane di Acerra è deceduto dopo cinque giorni di ricovero in terapia intensiva, in seguito al gravissimo incidente avvenuto mercoledì scorso quando, mentre stava attraversando la strada, è stato travolto da un auto. Giuseppe Travaglino, questo il nome del ragazzo, è stato investito da un 19enne nel comune di Pomigliano e l’automobilista risulta indagato per omicidio stradale dai carabinieri di Castello di Cisterna, che hanno avviato le indagini. Una grave perdita per la comunità acerrana, come hanno scritto alcuni utenti, amici e conoscenti di Giuseppe, sui social ricordando il “ragazzo dal sorriso contagioso ed un’educazione da prendere come esempio”.Incidente di caccia, ambulanza e vigili del fuoco

Decine di messaggi di cordoglio sui social

I suoi genitori, appresa la notizia della sua morte, hanno deciso di donare i suoi organi così da salvare altre vite. Da ore si susseguono sul web messaggi di cordoglio da parte di chi, prima dei funerali, ha voluto tribuargli un ultimo saluto. La sua scomparsa fa seguito ad un’altra tragedia: quella riguardante Gateano Barbuto Ferraiuolo, le cui gambe sono state amputate dopo essere stato colpito con sei colpi di pistola, epilogo di un litigio per una precedenza mancata degenerato nel dramma.