Usano il suo sperma per i figli di coppie gay e mamme single. Scopre tutto e fa causa alla clinica

neil gaskell sperma Un padre ha fatto causa a una clinica per la fertilità per aver dato il suo sperma a coppie gay e mamme single contro la sua volontà.

Neil Gaskell ha intrapreso un’azione legale dopo aver scoperto che il suo sperma era stato somministrato più e più volte a coppie dello stesso sesso e donne single, contro la sua diretta volontà.

L’uomo è rimasto sbalordito nello scoprire che il suo sperma aveva garantito nove nascite, più altre quattro da coppie eterosessuali: in tutto 13 figli, di cui non aveva mai saputo nulla.

Il signor Gaskell, 49 anni, è padre di tre figli, nati grazie a un trattamento di fecondazione in vitro. Imbufalito dal comportamento della clinica, l’uomo ha avviato un’azione legale, ottenendo un corposo risarcimento.

“Non voglio che i bambini siano cresciuti da coppie gay”

In un’intervista esclusiva rilasciata al Sunday Mirror, il 49enne si è detto convinto che i bambini debbano essere cresciuti da una madre e da un padre. “Avrei voluto che tutti i bambini nati dal mio sperma avessero una madre e un padre. Molte persone saranno fortemente d’accordo con me, molte saranno fortemente in disaccordo, ma la mia preoccupazione è per i bambini”, le parole di Neil.

Sia la causa legale che le dichiarazioni hanno scatenato una pioggia di critiche nei confronti di Neil, preso di mira dalle coppie omosessuali e dalle mamme single.

Il 49enne ha poi precisato di aver compilato un modulo di consenso in cui specificava che il suo sperma “non doveva essere destinato a coppie dello stesso sesso”.