Funerale con 200 persone e nessun rispetto delle regole anti-Covid. Infuria la polemica

funerale coronavirus assembramentoUn funerale all’interno di un tendone con oltre 200 persone senza rispettare minimamente le regole anti-Covid.

L’assembramento si è verificato al Castle Bromwich Hall Hotel di Birmingham, con i residenti nelle vicinanze che si sono trovati costretti ad avvertire le forze dell’ordine perchè la musica era talmente forte “da far tremare la casa”.

“Ho chiamato due volte la polizia. Mi hanno detto che avevano ricevuto più chiamate. La musica ha fatto tremare la casa – racconta un vicino al quotidiano ‘Metro’ – Quando sono tornato a casa dal lavoro c’erano macchine parcheggiate su tutte le strade vicine e sull’erba. Mia moglie mi ha detto che la musica era iniziata nel primo pomeriggio. È una vergogna”.

L’hotel si scusa: “Non accadrà mai più”

In base alle attuali restrizioni vigenti nel Regno Unito per arginare la pandemia di coronavirus, i funerali non possono avere più di 30 persone presenti e deve essere rispettato anche il distanziamento sociale. Un portavoce della polizia delle West Midlands ha dichiarato che invece al funerale di Birmingham, che si è svolto venerdì 25 settembre, hanno partecipato circa 200 persone.

Gli agenti sono intervenuti per interrompere la celebrazione e disperdere la folla. L’Hotel si è scusato per l’accaduto e ha assicurato che il membro del personale che ha organizzato l’assembramento è stato licenziato.