Stuprano e mettono incinta la sorella 13enne, niente carcere per due stupratori: “Troppo immaturi”

I due fratelli che hanno commesso l’abuso non andranno in carcere perché, secondo un procuratore del Missouri, “sono così immaturi” e nel carcere sarebbero stati “mangiati vivi”

 

Una sentenza shock quella che arriva dal Missouri, Stati Uniti, dove due fratelli Amish, Aaron e Petie Schwartz, rispettivamente di 22 e 18 anni, hanno ammesso di aver abusato della sorella 13enne, poi rimasta incinta. I due fratelli stupratori, tuttavia, non andranno in carcere dopo la decisione del pubblico ministero di esonerarli dalla misura detentiva.

Le motivazioni scioccanti del Pubblico Ministero 

I due fratelli, che secondo la minore non sono stati gli unici in famiglia ad abusare di lei, non saranno incarcerati. Il motivo? Secondo un procuratore degli Stati Uniti i due “sarebbero stati mangiati vivi” nel carcere per gli atti commessi, ma non solo. Il pubblico ministero ha inoltre sostenuto, a sostegno della mancata emissione della sentenza di incarcerazione, che quello fra la 13enne e i suoi fratelli era un “rapporto diverso”, ossia non come quello di un padre che esercita una posizione di autorità commettendo un abuso sessuale nei confronti di un bambino e che i condannati “erano davvero immaturi”.

Il PM ha così stabilito che i due fratelli saranno in libertà vigilata per cinque anni, che dovranno seguire il Missouri Sex Offender Treatment Program e che dovranno prestare 100 ore di servizio alla comunità. I due sono stati inizialmente accusati di 6 accuse di stupro e una di incesto, le quali sono state ridotte al minimo grado di violenza, un crimine che negli Stati Uniti viene definito di classe C. Il Pubblico Ministero ha inoltre affermato a suo favore che la comunità Amish  “aveva effettivamente punito tutti e 4 i giovani ragazzi con una punizione molto severa“.

Una sentenza, questa, che lascia chiunque a bocca aperta non solo per le terribili motivazioni addotte, ma anche in relazione al fatto che gli abusi sono stati commessi da più fratelli e più volte nel corso del tempo: secondo quanto dichiarato gli abusi sessuali erano stati perpetrati da quattro dei suoi fratelli, due dei quali minorenni.

Secondo le dichiarazioni dei fratelli Schwartz, gli abusi erano iniziati un anno prima, quando lei aveva solo 12 anni; i due hanno inoltre confessato di aver abusato di lei almeno sei volte ciascuno nella casa di Seymour. Secondo il procuratore della contea di Webster Ben Berkstresser, la 13enne ha partorito poche settimane fa e “uno dei fratelli è il padre del bambino“.

Leggi anche -> 16enne italiano arrestato in Inghilterra: abusava del fratellino e condivideva foto in rete

Leggi anche -> Storica sentenza della Cassazione: inviare su WhatsApp foto hard ai minorenni è violenza sessuale

Leggi anche -> Accusato di stupro e abuso su oltre 300 bambini. Muore in carcere: si pensa al suicidio