Ospedale di Rivoli: “Sua madre è deceduta”, ma in realtà è solo un errore

ospedale Rivoli

All’Ospedale di Rivoli, in provincia di Torino, una famiglia è stata erroneamente avvisata della dipartita di una donna di 78 anni. 

È stato un errore quello dei medici dell’Ospedale di Rivoli, che dopo aver comunicato ai familiari della 78enne Lucia Martina, la triste notizia della sua morte, sono poi tornato indietro sui loro passi. Dopo più di un’ora dalla comunicazione alla famiglia, l’Ospedale si è, infatti, accorto di aver sbagliato a trasmettere la notizia.

Uno scambio di persone dovuto al fatto che la vera vittima, morta a causa di un attacco cardiaco, era in realtà nella stessa stanza e precisamente, nel letto accanto a quello della 78enne.

Maria Martina, figlia della 78enne, è riuscita a risalire alla vicenda dopo quasi un mese dall’accaduto. Ha quindi sporto reclamo all’Asl provinciale di competenza e poi ha anche deciso di rivolgersi a un giornale locale e anche a ‘La Stampa’, per raccontare quanto era accaduto.

ospedale Rivoli

Sua madre era stata ricoverata, lo scorso 7 settembre, e dimessa nell’arco di un giorno, come spiega sua figlia, però, non appena tornata a casa era stata di nuovo male e portata in Ospedale in ambulanza. Lucia Martina si trovava in ospedale da due giorni quando, il 9 settembre, sua figlia fu avvisata della sua morte, avvenuta per arresto cardiaco durante alcuni esami.

LEGGI ANCHE => Coronavirus, bimba nasce a 26 settimane di gestazione e viene creduta morta per 6 secondi: adesso è viva

La famiglia e gli amici si sono quindi uniti nel dolore, colpiti dalla notizia e hanno iniziato a organizzare i funerali. Dopo più di un’ora dalla prima telefonata, una seconda chiamata dell’ospedale rivelava che si era trattato di un errore.

Maria Martina ha poi spiegato di essere riuscita a ricostruire i fatti di quel giorno e che la direzione sanitaria stessa le ha spiegato il motivo dello sbaglio. “Mi hanno riferito” ha spiegato la figlia della 78enne “che la donna deceduta aveva perso il braccialetto e quindi l’avevano identificata solo dal numero di stanza e questo ha creato l’errore“.