Coronavirus, positivi anche nel Napoli: Zielinski ed un collaboratore esterno in quarantena

Il secondo giro di tamponi di tutto lo staff del Napoli si è concluso con il riscontro della positività di due persone: Zielinski ed uno dei collaboratori.

Dopo il caso Genoa, società che ha scoperto di avere ben 15 positivi al coronavirus ad inizio settimana, anche il Napoli ha temuto che molti dei suoi potessero aver contratto il virus. Le due formazioni, infatti, si sono scontrate nel secondo turno di Serie A ed i calciatori delle due squadre sono stati per forza di cose a contatto ravvicinato. Nei primi giorni della settimana si è anche discusso della possibile interruzione del campionato, ma la Lega ha deciso di aderire alle norme dell’Uefa e dunque di permettere alle formazioni di scendere in campo fintanto che avranno 13 calciatori (tra cui un portiere) a disposizione.

Leggi anche ->Genoa, 14 positivi al Coronavirus tra giocatori e staff: la Seria A trema – VIDEO

Scongiurato il blocco della competizione, per il Napoli è sorto il timore di dover rinunciare a parte dei suoi calciatori. Il primo giro di tamponi è stato estremamente positivo, tutti, compresi i membri dello staff, sono risultati negativi. Prima del prossimo impegno, però, era necessario effettuare un secondo giro di tamponi, per appurare che i risultati del primo test fossero corretti. Questa volta sono stati trovati due positivi, un collaboratore (esterno) e il calciatore Piotr Zielinski.

Leggi anche ->Tegola per il Milan, Zlatan Ibrahimovic positivo al Coronavirus: il comunicato ufficiale

Napoli, Zielinski positivo al Coronavirus: Gattuso cerca alternative contro la Juventus

L’assenza di Zielinski per Gennaro Gattuso è una tegola. Il centrocampista polacco è il fulcro del centrocampo del Napoli ed è difficilmente sostituibile nello scacchiere tattico partenopeo. Gli azzurri hanno calciatori di valore in quel ruolo, basti pensare ad Elmas e Demme (ci sarebbe anche Lobotka, ma è probabilmente l’ultima scelta), ma nessuno in grado di coniugare corsa, tecnica e capacità di inserimento offensivo come il polacco. Spetta dunque all’allenatore calabrese capire quale dei suoi centrocampisti affiancare al titolarissimo Ruiz per la partita che potrebbe segnare un passo importante per le ambizioni della squadra campana nel prosieguo del campionato.