Coronavirus, dal 7 ottobre nuovo DPCM. Previsto l’uso della mascherina obbligatoria anche all’aperto

Nuovo DPCM nella lotta al coronavirus che sostituirà quello in scadenza il 7 ottobre. Previsto l’uso della mascherina anche all’aperto in tutta Italia. Speranza: “Chiediamo uno sforzo”.

Il nuovo DPCM nella lotta al coronavirus ci sarà solo dopo il confronto con le Camere in programma mercoledì. Dovrà esserci anche un incontro con i rappresentanti di Regioni, Comuni e Province. Da quel che emerge, lo stato di emergenza sarà prorogato fino al 31 gennaio 2021.

Quasi sicuramente la prima misura certa che verrà adottata sarà l’uso della mascherina obbligatoria all’aperto in tutta la penisola. Resta da capire a quanto ammonteranno le multe in caso di mascherina non indossata. Da marzo, e fino ad ora le sanzioni partivano da 400 euro e arrivavano a tremila euro. Nelle prossime settimane esse potrebbero essere più economiche, ma i controlli saranno maggiori.

Attività come bar e ristoranti non subiranno alcuna restrizione e potranno restare aperti come ora. Alcune regioni, però, come accaduto già in Campania con il provvedimento di De Luca, potrebbero approvare orari anticipati di chiusura. Questa situazione, comunque, potrebbe cambiare nel caso di una impennata dei contagi.

Lotta al coronavirus: nel nuovo DPCM verrà reso obbligatorio l’uso della mascherina anche all’aperto

Per il resto, ci sarà il limite di 200 persone per le feste private e la chiusura delle discoteche. Nei luoghi aperti, come negli stadi, potranno entrare al massimo 1000 persone.

Come far rispettare tutte queste norme? Una circolare firmata due giorni fa dal prefetto Bruno Frattasi, capo di gabinetto della ministra dell’Interno Luciana Lamorgese, prevede che a controllare il tutto sia la polizia locale. Inoltre, saranno coinvolti anche i soldati ora schierati nell’operazione “Strade sicure”.

Il Ministro della Salute Speranza ha illustrato a Montecitorio il contenuto del DPCM. Queste le sue parole: “Casi in aumento in tutta Italia. Chiediamo uno sforzo: usare le mascherine anche quando si incontrano amici e familiari non conviventi. Le Regioni potranno assumere misure ancora più restrittive, ma ora serve coordinamento ancora più forte degli scorsi mesi”.