Quando finirà il distanziamento sociale? Oltremanica promettono: “Entro ottobre 2021”

Parlando dell’obbligo di distanziamento sociale previsto dalle misure di contrasto al Coronavirus, Boris Johnson ha promesso che finirà nell’ottobre 2021.

Durante tutta l’estate in Italia e non solo i cittadini hanno nutrito la segreta speranza che le predizioni degli esperti su un ritorno dei contagi da Coronavirus si rivelassero errati. Purtroppo a metà agosto i casi di contagio sono aumentati in Catalogna, poi in tutta la Spagna. Di seguito abbiamo assistito ad aumenti in Gran Bretagna, Francia, Germania e nell’Est Europa. Nel mese di settembre la situazione in alcuni Paesi si è fatta preoccupante, tanto da costringere a lockdown localizzati a Marsiglia e Parigi e ad uno stato di quasi lockdown anche a Londra.

Leggi anche ->Aggredita una mamma che aveva richiesto il distanziamento sociale per proteggere il figlio trapiantato: “Il Covid non esiste”

Anche nel nostro Paese, specie nelle ultime settimane, abbiamo assistito ad un costante aumento dei casi di positività. Così si è tornati a sentire la paura del contagio e a temere che possa esserci un secondo lockdown entro la fine dell’anno. Attualmente questa eventualità è stata allontanata sia dal governo che dal Cts, ma il nuovo dpcm sottolinea l’importanza del distanziamento sociale e dell’utilizzo della mascherina per evitare che lo scenario peggiore si possa verificare.

Leggi anche ->Coronavirus, dal 7 ottobre nuovo DPCM. Previsto l’uso della mascherina obbligatoria anche all’aperto

La fine del distanziamento sociale? Secondo Boris Johnson entro e non oltre l’ottobre 2021

Appare evidente anche ai più scettici che bisognerà continuare a mantenere le norme di sicurezza stabilite durante la fase acuta per un po’ di tempo. Le ultime misure che verranno rimosse sono proprio quelle relative all’utilizzo della mascherina e all’obbligo di mantenere il distanziamento sociale. Ma quando finirà tutto questo? Ad avere un’idea precisa sembra essere il premier britannico Boris Jhonson.

Nel corso dell’annuale convegno del suo partito, in una sala semi deserta per via delle norme sul distanziamento, Jhonson ha detto ai presenti e ai colleghi di partito: “Ci potremo vedere faccia a faccia e stare fianco a fianco all’appuntamento del prossimo autunno. Grazie ai costanti progressi della medicina e della ricerca”. Una previsione ottimistica che però si scontra con quella che lo stesso premier aveva fatto qualche settimana prima, quando aveva detto che il distanziamento sociale sarebbe stato annullato entro il prossimo novembre.