Coronavirus, Piero Angela a favore dell’esercito in strada. E sui negazionisti: “Alcune persone sono irrecuperabili”

Piero Angela e lo staff di Superquark +

In occasione del lancio della seconda edizione di Superquark+, disponibile da oggi su Rai Play, Libero ha intervistato lo storico conduttore del programma, Piero Angela.

L’amato divulgatore scientifico – che ha spiegato il perché non si parlerà in questa edizione di coronavirus (“E’ un programma pensato per restare nel tempo: la sua visione non deve bruciarsi in una serata”) – non ha risparmiato critiche a tutti coloro i quali hanno un approccio antiscientifico alla vita e ai fenomeni naturali:

Alcune persone sono irrecuperabili. Puoi fare loro tutti i discorsi che vuoi, addurre milioni di prove ma non cambieranno mai idea”.

E in particolare sui negazionisti:

“Chi pensa che la propria intuizione personale sul vaccino sia più acuta di quella di medici e virologi, lo è (irrecuperabile, ndr): non c’è speranza con loro. Altri negazionisti sono invece solo male informati. In questo caso sono recuperabili, chi più velocemente chi meno”.

E per far fronte allo scarso rispetto delle regole anti-coronavirus, Piero Angela non sarebbe contrario al ricorso all’esercito nelle strade:

Penso che sarebbe utile perché, scusate, stiamo parlando di un virus mortale! Chi non usa la mascherina è un po’ come un untore. Pensiamo ai malati di Aids: c’è gente che è stata condannata in tribunale perché, pur sapendo di essere malata, non informava il partner e aveva rapporti non protetti. Ora, non sto certo invocando il carcere per chi dimentica la mascherina ma di fare rispettare le regole sì. Bisogna incentivare il rispetto”.

Un’ultima battuta sul ruolo della divulgazione scientifica:

“Qualcuno ha detto: “La scienza è la forma più alta del buon senso”. Ecco, lo sottoscrivo. Quello che mi ha sempre affascinato della scienza è il suo metodo: non si insegue l’emotività del giorno, ma si cerca di essere lungimiranti, mostrando le conseguenze di quello che accade. Io mi sento un uomo al servizio dello Stato: il mio riferimento politico è Sergio Mattarella e tutti i presidenti della Repubblica che sono venuti prima di lui e che li succederanno”.

Piero Angela invoca l’esercito e diventa tendenza su Twitter

Le parole di Piero Angela hanno scatenato le reazioni degli utenti di Twitter, sempre attenti alle parole dei personaggi pubblici.

E così Piero Angela è entrato in tendenza, mentre gli utenti hanno preso posizioni anche parecchio diverse fra di loro.

Di seguito, ve ne presentiamo un breve campionario (tra ironie e negazionismi ulteriori)