Donald Trump condannato a morte dallo Yemen per crimini di guerra, accusato di aver ucciso 51 civili

Il Presidente Usa Donald Trump è stato condannato a morte dal tribunale yemenita per crimini di guerra: accusato di aver causato la morte di 51 civili.

La presidenza Trump è stata accompagnata da costanti critiche in patria e all’estero, caratterizzata da una politica estera aggressiva e da momenti di grande difficoltà. La settimana che si appresta a concludersi la si può benissimo inserire tra questi momenti difficili. Il Tycoon, infatti, è stato in ospedale dopo aver scoperto di avere il Covid-19 ed in alcuni video è apparso alquanto provato nonostante i proclami effettuati qualche minuto prima.

Leggi anche ->Trump scatenato su Twitter paragona il Coronavirus all’influenza mentre in video fa fatica a respirare – VIDEO

Se lo stato di salute non è dei migliori, anche quello politico non è da considerare semplice. Il presidente USA sta portando avanti una campagna elettorale che, come sempre negli Usa, è sfiancante e piena di colpi bassi (tra cui la rivelazione del mancato pagamento di 10 anni di tasse al fisco). In patria è contestato per la gestione della pandemia e per la gestione del caso Floyd, due nodi che mettono a serio rischio la sua rielezione. A completare il quadro di una situazione complessa in queste ore è giunta anche una condanna a morte.

Leggi anche ->Trump scatenato su Twitter paragona il Coronavirus all’influenza mentre in video fa fatica a respirare – VIDEO

Donald Trump condannato a morte per crimini di guerra

La notizia della condanna a morte arriva come un fulmine a ciel sereno, soprattutto se si pensa che qualche mese fa il nome di Donald Trump è stato associato al Nobel per la pace. La sentenza, secondo quanto riportato da molti media britannici e americani, è giunta dal tribunale dello Yemen ed è legato alle azioni di guerra che sarebbero state compiute dagli Stati Uniti sul territorio yemenita durante la guerra civile che ha sconvolto il Paese.

In particolare la condanna è collegata ad un raid aereo avvenuto nel 2019, con il quale è stato colpito un bus pieno di bambini e a causa di cui sono morti 51 civili. L’attacco è stato orchestrato dalla coalizione saudita ed è considerato uno dei disastri umanitari più grandi dell’ultimo periodo storico. Oltre a Donald Trump sono stati condannati a morte anche il re saudita Salman, il principe ereditario saudita, il comandante delle forze aeree ed il presidente yemenita Abedrabbo Mansour Hadi. La corte ha stabilito anche una multa di 10 miliardi che i responsabili dovrebbero versare alle famiglie delle vittime.