Pistorius, il racconto dell’amico: “E’ disperato, vorrebbe il perdono della famiglia di Reeva”

pistorius chiede perdonoOscar Pistorius vorrebbe chiedere il perdono dalla famiglia della sua vittima, Reeva Steenkamp.

L’atleta paraolimpico deve scontare una condanna di 15 anni di reclusione per aver ucciso la sua fidanzata. Pistorius ha detto ad un suo amico di essere disperato e di desiderare che la famiglia di Reeva accetti le sue scuse.

“Voglio dire loro che mi dispiace”, le parole di Pistorius. Bill Schroder, 76 anni, ha affermato che Pistorius si è rivolto a Dio ed è più preoccupato per il perdono che per la libertà condizionale.

Il 76enne lo ha visitato quattro volte in prigione, e ha raccontato alla stampa ciò che gli ha detto l’amico.

Pistorius continua a sostenere che si è trattato di un incidente

“Quello che vuole davvero è il perdono – spiega l’amico al Mirror – Gli ho detto che se avesse ucciso mia figlia dubito che lo perdonerei. È più preoccupato per il perdono che per la libertà condizionale. In effetti, ha molta paura di ottenere la libertà condizionale perché sa che sarà un contraccolpo”.

Bill Schroder ha detto che Pistorius continua a sostenere che non si è trattato di un omicidio, ma di un incidente (credeva si trattasse di una ladra, ndr). Pistorius è attualmente detenuto in una prigione a nord di Pretoria, in Sud Africa, specializzata per i detenuti che soffrono di disabilità.