Omicidio Luca Sacchi, altro colpo di scena: c’è un quinto indagato per la trattativa della vendita di droga

Quinta persona nel registro degli indagati per l’omicidio di Luca Sacchi. Valerio Rispoli sarebbe stato l’intermediario tra gli spacciatori.

Una nuova svolta nel processo sull’omicidio di Luca Sacchi, il 25 enne morto a Roma in seguito alle ferite alla testa causate da un colpo di pistola. La Procura della Capitale ha iscritto una quinta persone nel registro degli indagati. Si tratta di Valerio Rispoli, indagato per la trattativa sulla vendita di droga.

I messaggi sul cellulare tra Rispoli e Valerio Del Grosso lo hanno incastrato. Del Grosso è il pusher che la sera del 23 ottobre dello scorso anno, al termine di una trattativa per la compravendita di droga, ha ucciso Sacchi.

Rispoli era l’intermediario tra i vari spacciatori, Del Grosso, Pirino e De Propris, tutti accusati di omicidio, e l’amico di Sacchi, Giovanni Princi, già condannato a 4 anni di carcere per acquisto di droga finalizzato allo spaccio.

C’è un quinto indagato nella vicenda dell’omicidio di Luca Sacchi

Il nome di Valerio Rispoli compare tante volte nelle carte delle ordinanze dei Gip. Agli atti è finito anche un video che testimonia un incontro avvenuto il giorno prima dell’omicidio di Luca Sacchi. Nel video si vedono Marcello, Armando De Propris, Valerio Del Grosso e una quarta persona in un bar di piazza Coleman nella zona di Tor Sapienza a Roma.

Rispoli ora è indagato e potrebbe finire sul banco degli imputati insieme ai killer di Luca e alla sua fidanzata Anastasia Kylemnyk, pure lei a giudizio per acquisto di droga ai fini di spaccio.