Bimbo di 8 mesi ritrovato in un cassonetto con le manine ustionate: babysitter indagata

Oltre al bambino di 8 mesi, sulle cui mani sono state rinvenute delle ustioni, l’indagata avrebbe aggredito anche la madre della piccola vittima

E’ stata trovata ferita ma viva la bambina di 8 mesi abbandonata dentro un cassonetto fuori da un complesso di appartamenti di Newhallville, in Connecticut. Il commissario capo della polizia locale, Anthony Duff, ha dichiarato al New Haven register che “la polizia di New Haven sta indagando dopo che gli addetti alla manutenzione hanno trovato un bambino nel cassonetto fuori da un condominio di Newhallville”. Il bambino è attualmente ricoverato in ospedale in condizioni stabili, e da lunedì è in cura per le ustioni che sono state rinvenute sulle mani.

Indagata la babysitter 24enne 

La principale indiziata è la babysitter 24enne di Hamden Adriana Velez, su cui gravano le accuse di rischio di lesioni ad un bambino, aggressione di secondo grado e pericolo sconsiderato. Secondo le prime ricostruzioni, la Velez avrebbe aggredito anche la madre 21enne del bambino, che è stata rintracciata dalle forze dell’ordine ed è attualmente sotto osservazione. 

La 24enne Adriana Velez è attualmente in custodia cautelare

Il sindaco di New Haven, Justin Elicker, ha rivelato il suo orrore nel trovare il bambino in un cestino: “Come padre, è impensabile per me che qualcuno possa fare qualcosa del genere ad un bambino”. Totalmente sconvolti anche tutti i residenti del quartiere e gli addetti alla manutenzione del complesso residenziale.

Attualmente sono in corso le indagini per accertare sia le responsabilità dell’indagata e sia per capire quale sia stato il ruolo della madre e chi abbia procurato quelle ferite al bambino. 

Leggi anche-> Neonato abbandonato in Cina, il piccolo divorato dalle formiche: un passante lo salva

Leggi anche -> Due neonati abbandonati nella spazzatura e lasciati a morire di stenti – video shock

Leggi anche -> Avvolto in un sacco della spazzatura e gettato nel bidone. La terribile fine di un povero neonato