Il figlio piccolo subiva abusi e violenze in casa e lei lo ignorava: condannata madre che “pensava solo al sesso”

Il “piccolo Joe”, come lo avevano soprannominato, è morto a causa dei maltrattamenti e dei gravi abusi subiti dal fidanzato della madre davanti a lei che non ha fatto nulla per intervenire

Dal West Virginia, negli Stati Uniti, giungono aggiornamenti giudiziari su un gravissimo caso di violenza familiare avvenuta nel 2018, quando il piccolo Joseph “JoJo” Garbosky III è stato abusato e violentemente maltratto dal fidanzato della madre, la 32enne Candice Jones, che non ha fatto nulla per intervenire e salvare il figlio dalle torture subite.

L’indifferenza della madre davanti alle violenze

Candice Jones, che ora è stata incarcerata, ha ammesso di non aver fatto nulla per bloccare in qualsiasi modo la furia di John Powers, 47 anni, il fidanzato che ha perpetrato ai danni del bambino delle violenze brutali. Dai rapporti del tribunale emerge, a distanza di circa due anni, la sconvolgente verità: Powers ha sbattuto il bambino nella vasca da bagno, gli ha inflitto un’ustione di terzo grado al braccio e lo ha poi abusato sessualmente, provocando diverse fratture ossee, emorragie retiniche e sanguinamento cerebrale del bambino. Una furia terribile, rispetto alla quale la madre non è voluta intervenire: secondo i rapporti, infatti, il figlio è stato portato in ospedale per essere curato ben due settimane dopo dal terribile incidente.

“Eri più interessata ad avere rapporti sessuali che a tuo figlio”

Lunedì, a distanza di due anni dalla vicenda, si è svolto il processo in tribunale per la condanna di Powers e della Jones. Una testata locale ha riferito che il padre biologico del bambino, Joseph Garbosky, ha pianto durante tutta l’udienza. I due accusati, entrambi della Green Valley, si sono dichiati colpevoli della morte del piccolo Joe avvenuta nel 2018.

Come riportato dal Telegraph, la nonna adottiva del bambino durante la sentenza si è rivolta alla Jones accusandola di non aver protetto i suoi figli, “l’unica cosa che una madre avrebbe dovuto fare”. La donna ha continuato: “Ti ho pregata di smetterla, per favore, di cercare di entrare in contatto con uomini su Internet e Facebook per fare sesso. Eri più preoccupato di fare sesso che di prenderti cura di tua figlia e del piccolo Joe” e ha aggiunto “Spero che tu abbia il tempo massimo concesso e spero che un giorno ti renderai conto che la morte del piccolo Joe avrebbe potuto essere evitata se avessi smesso di preoccuparti di fare sesso o di incontrare ogni ragazzo che hai conosciuto online”.

Leggi anche -> Adesca una bimba di 3 anni che era in gita con la sua famiglia e la violenta: il pedofilo 62enne ha confessato

Leggi anche -> Rapisce le due figlie e fugge, preso dalla polizia. E’ sospettato di aver ucciso altri due bambini

Leggi anche -> Violenta la figliastra per anni, la giovane soffoca il bimbo appena nato. Condannato a 8 anni e mezzo