Lo strano culto di Nostra Signora della Santa Morte, venerata dai criminali messicani. Scoperti altari con resti umani

santa morte messicoUna piccola città messicana “epicentro” di una strana adorazione.

La divinità venerata è in realtà Nostra Signora della Santa Morte, storico culto messicano di origini pre-colombiane, tipicamente raffigurata come un cupo mietitore scheletrico. Molti devoti si definiscono cattolici, ma la chiesa disapprova il culto, che pare abbia milioni di seguaci in tutta l’America Latina.

Negli ultimi tempi, il culto di Nostra Signora della Santa Morte si è diffuso molto nei bassifondi e nelle prigioni del Messico.

Robert Almonte, ex maresciallo federale degli Stati Uniti, ritiene che il fenomeno sia iniziato nella città di Tepatepec, nello stato messicano centrale di Hidalgo, diversi decenni fa.

Il signor Almonte ha svolto ricerche presso i narco-santuari in tutto il Messico e nel 2007 ha visitato una “cattedrale” di Santa Morte nella città di Pachuca.

“Ci sono andato ed è solo un vecchio magazzino malandato con un sacco di cose davvero oscure, come le statue di Santa Morte, di streghe e anche del diavolo”, racconta l’ex maresciallo federale al Daily Star Online.

“La gente del posto mi ha detto che circa 70 anni fa i parrocchiani di una chiesa cattolica volevano che il loro prete permettesse loro di posizionare una statua di Santa Morte. All’inizio il prete rifiutò, ma alla fine cedette e lo permise – spiega Almonte – Dopo un pò, il prete iniziò a notare che i parrocchiani stavano pregando solo l’Angelo della Morte, ignorando le altre statue dei santi cattolici e ignorando persino la statua di Gesù Cristo”.

Nostra Signora della Santa Morte, i criminali messicani sono devotissimi

Una situazione che ha fatto arrabbiare il sacerdote, che ha ordinato la rimozione della statua, traslocata in un santuario privato della zona.

Le riprese scattate all’interno del santuario mostrano folle di persone del posto desiderose di pregare la statua. Sebbene non tutti coloro che adorano Santa Morte siano legati ad attività criminali, i cartelli in tutto il paese sono molto attaccati al culto.

Lo scorso ottobre, una banda messicana ha creato un altare al santo utilizzando teschi umani e altre parti del corpo. I poliziotti hanno scoperto l’orribile sito durante un’incursione in cinque case nelle colonie di Peralvillo e Tepito nel comune di Cuauhtemoc, a poca distanza da Città del Messico.

I 31 sospettati, 26 uomini e cinque donne, sono tutti sospettati di appartenere al cartello La Union Tepito. Secondo quanto riferito, l’altare era composto da maschere sataniche e conteneva resti umani insieme a teschi coperti di sangue.

Leggi anche –> Luogo mariano vandalizzato con scritte inneggianti al diavolo: “Pregate Satana”

Leggi anche –> Bimbo segregato dai genitori e costretto ad ascoltare “la voce del diavolo”: agghiacciante scoperta nella villa degli orrori