Murcia, chiude la palestra di proprietà di CR7: i 900 abbonati non riceveranno il rimborso delle quote

Più di 900 persone sarebbero rimaste senza un luogo nel quale allenarsi. A Murcia ha chiuso i battenti la palestra del fuoriclasse della Juventus. Nessun rimborso previsto.

La palestra situata nel centro commerciale ‘Myrthea’ a Murcia, facente parte della catena di palestre di proprietà di Cristiano Ronaldo associata all’azienda americana Crunch, ha chiuso. Secondo quanto riportato dal sito spagnolo ‘La Verdad’, infatti, la catena di palestre di CR7 starebbe per ridurre i suoi locali.

La palestra di Murcia, denominata ‘CR7 Crunch Fitness’, ha chiuso i battenti e i 900 abbonati non riceveranno nemmeno il rimborso dei soldi versati per le quote. La società, infatti, non è fornita nemmeno della liquidità necessaria per saldare i rimborsi e non può neanche assicurare la riapertura della palestra.

Chiusa la palestra di Murcia associata a una catena di proprietà di Cristiano Ronaldo: in 900 senza rimborso delle quote

La palestra aveva aperto all’inizio del 2019 con un altro proprietario e un altro nome commerciale, ma già allora erano sorti dei problemi finanziari e non tutti i servizi offerti erano disponibili.

A fine 2019, quindi, la società ha deciso di vendere a una catena associata a Cristiano Ronaldo, la ‘CR7 Crunch Fitness’. Queste le parole di un cliente: “A gennaio ci hanno fatto una buona offerta per proseguire, e ci siamo fidati, ma non è cambiato nulla e a marzo la palestra ha chiuso’.

Questa fitta rete di palestre dispone di un centro a Badajoz, uno a Jaen, uno a Marbella, uno a La Coruña e di ben sei centri a Madrid.