12enne costretta a prostituirsi dalla madre in cambio di denaro o droghe: arrestate oltre cento persone

stupro

E’ una vicenda tremenda, quella riportata stamane dai tabloid britannici.

Una ragazzina di 12 anni è stata costretta a prostituirsi dalla madre, venendo abusata da centinaia di persone.

Le indagini sono iniziate dall’identificazione su un sito web a pagamento di una giovanissima: la polizia ha indagato per due anni prima di scoprire la trama ordita dalla madre, che avrebbe permesso a centinaia di persone di fare sesso con la figlia minorenne in cambio di denaro o droghe.

Circa 106 persone sono adesso nei guai, accusati dei crimini più vari – dal traffico di esseri umani alle violenze su un minore di 16 anni alla produzione e possesso di pornografia infantile.

Altre 72 persone sono state accusate di reati minori, incluso lo sfruttamento della prostituzione.

Tra gli imputati figurano anche un educatore, insegnante di educazione fisica, e diverse donne – accusate di aver contribuito a organizzare “giochi” a pagamento con la ragazza in cambio di denaro.

Questa incredibile vicenda è avvenuto a Tallahassee – in Florida, negli Stati Uniti.

E Lorena Vollrath-Bueno, che sta seguendo il caso presso la Procura dello Stato, ha dichiarato in merito: “So che è difficile credere che qualcosa del genere accada qui nella nostra comunità, ma è così“.

Elizabeth Bascom, della polizia di Tallahassee, ha dal canto suo riportato come lo sfruttamento subito dalla ragazza sia stato “orribile” e come gli abusi siano probabilmente iniziati prima del suo 13esimo compleanno.

La stessa Bascom ha aggiunto, in merito alla possibilità che la giovanissima dia la sua testimonianza: “Ha cose da dire. Ha potuto dire che questa storia ha avuto un serio impatto sulla sua vita, e a volte è molto difficile. Ma lei sta lavorando per riavere la sua vita”.