New York, centinaia di morti da covid depositati nei camion frigo da marzo

Sono ancora 650 i cadaveri depositati nei camion frigo da marzo a New York. Aumentato da 900 a 1.700 dollari il contributo per aiutare le famiglie in difficoltà nell’organizzazione dei funerali.

Sconcertante ciò che è stato rilevato dalle autorità di New York. Sono 650 i cadaveri disposti nei camion frigo non ancora sepolti. Durante il picco di morti di marzo, infatti, sono stati predisposti dei camion frigo, come una sorta di obitori emergenziali. Ma non tutti i corpi sono stati sepolti. Infatti, le autorità non sono ancora riuscite a rintracciare i parenti delle vittime in alcuni casi.

Più di 200 corpi, invece, sono ancora nei camion frigo, perché la famiglia non ha le disponibilità economiche per il funerale e la sepoltura. Da metà settembre, comunque, il numero dei corpi nei camion frigo è sceso da 698 a 650.

Covid, i morti senza tomba di New York. Sono 650 ancora i cadaveri nei camion frigo

Alcune famiglie, inoltre, non hanno ancora dato il via libera alla sepoltura nello spazio per gli indigenti di Hart Island. A New York il Covid ha ucciso più di 24.000 persone.

La seconda ondata di pandemia sta iniziando a farsi viva anche nella Grande Mela, già duramente provata a marzo e aprile. E la scoperta dei camion frigo ancora pieni di cadaveri fa temere per la tenuta degli obitori.

Per venire incontro alle esigenze delle famiglie e alla mancanza di denaro, New York di recente ha alzato da 900 a 1.700 dollari il contributo per aiutare le famiglie in difficoltà a organizzare i funerali.