Maltempo, Catania investita dal tornado: danni ai tetti delle abitazioni. In Sardegna si spala, i morti sono tre

tornado catania Il maltempo torna a fare danni in tutta Italia. 

Dopo le terribili immagini di ieri, con il fiume di fango che ha travolto il paese di Bitti, nel Nuorese, in Sardegna, si registrano ingenti danni anche a Catania a causa di un tornado che si è abbattuto nella zona dell’aeroporto del capoluogo etneo.

Come riportato da 3bmeteo, la tromba d’aria è stata talmente forte da provocare danni consistenti ai tetti delle abitazioni e abbattendo anche dei cartelloni, precipitati sulle auto che si trovavano in sosta nei parcheggi.

Tra le zone maggiormente colpite dalla furia del tornado ci sono il villaggio Santa Maria Goretti e il quartiere Zia Lisa, entrambi nella periferia sud di Catania. Fortunatamente, stando a quanto riferito dalle autorità, non sembrano esserci feriti tra la popolazione.

Anche nel resto della Sicilia, specialmente sul versante ionico, si sono verificati forti temporali e nubifragi, anche se in misura minore rispetto a quanto accaduto nella zona dell’aeroporto catanese.

Bitti, le vittime sono tre. Si lavora per spalare il fango

D’altronde, la Regione siciliana non è nuova a questi eventi, specialmente nel mese di novembre: in molti ricordano quanto accaduto il 5 novembre 2014, quando una tromba d’aria investì la parte nord del capoluogo etneo, provocando anche in quel caso danni di rilievo.

Nel frattempo, a Bitti la notte è passata cercando di spalare via la gigantesca mole di fango che si è abbattuta sul piccolo paese sardo di circa 3.000 abitanti. Le vittime accertate sono tre: si tratta di un allevatore di 55 anni, travolto dall’onda d’acqua all’interno del suo fuoristrada, di una donna di 90 anni sommersa davanti la propria casa dalla furia dell’acqua e di un anziano, deceduto all’interno della propria abitazione invasa dal fiume di fango.

LEGGI ANCHE -> Alluvione in Sardegna, tre morti a Bitti nel nuorese: le terribili immagini – VIDEO