Organizzano party abusivo con discoteca e assembramenti in un albergo: denunciati 18 ragazzi

festa illegale misure anti covid violateC’è sconcerto a Napoli per la festa abusiva con decine di persone di età compresa tra 19 e 34 anni organizzata in un albergo nel centro della città, a due passi dalla stazione

L’altissimo quotidiano numero di contagi e decessi non è bastato a frenare l’ennesima iniziativa illegale perchè contraria a tutte le norme anti Covid emanate da Governo e regioni al fine di contenere il diffondersi della seconda ondata dell’epidemia di Coronavirus. Ci troviamo in Campania, dunque in piena zona rossa: ma nonostante il divieto di uscire di casa se non per motivazioni di reale urgenza e necessità, alcuni giorni hanno pensato bene di organizzare una festa privata nella sala comune di un albergo. Si tratta di 18 persone in tutto, di età compresa tra i 19 ed i 34 anni, scoperti in un albergo di Napoli dagli agenti della Polizia di Stato del commissariato Vicaria-Mercato, che li hanno denunciati per violazione delle disposizioni anti-Covid che vietano nel modo più assoluto assembramenti. L’intervento delle forze dell’ordine è avvenuto nella serata di sabato in corso Umberto I, a poca distanza dalla stazione, in seguito a molteplici segnalazioni di una festa abusiva.

Leggi anche Coronavirus, positivi ma vanno uno a cena, l’altro a un party: 100 persone in isolamento

Irruzione degli agenti: diversi ragazzi si dileguano

Al loro arrivo la musica era alta e nel locale dell’albergo erano presenti numerose persone che di fatto avevano trasformato la sala in una ‘discoteca abusiva’ e che ballavano assembrati senza utilizzare nemmeno le mascherine, in barba al distanziamento e alle norme anti Covid. Gli agenti sono riusciti a fermare 18 persone ma diverse altre si sono date alla fuga: tra gli identificati anche l’addetto alla reception. Per tutti è immediatamente scattata una denuncia per inottemperanza alle misure anti-Covid. Se anche solo uno di loro fosse positivo al Coronavirus si rischierebbe peraltro l’avvio di un nuovo focolaio. (nota: immagini di repertorio)