Lascia l’iPad al figlio di 6 anni durante il lockdown: lui spende 16.000 dollari in acquisti su un videogame

spende 16mila dollari in videogameUna madre ha rivolto un appello alle famiglie affinchè controllino i dispositivi in mano ai propri figli dopo che il suo ha fatto inavvertitamente acquisti in-app su Apple per 16mila dollari

Una madre del Connecticut ha rivolto un messaggio ai genitori dopo aver raccontato che il suo bambino di 6 anni ha speso migliaia di dollari in acquisti in-app mentre giocava al suo videogioco preferito su un iPad. Jessica Johnson, residente a Wilton, ha detto a “Good Morning America” ​​che durante l’estate suo figlio George ha speso un totale di 16.293,10 dollari sull’Apple App Store per acquistare anelli sul gioco Sonic Forces. Johnson ha spiegato che il suo account PayPal era stato collegato all’iPad e per questo ci è riuscito. Prima ha condiviso l’esperienza con il suo gruppo di mamme su Facebook per proteggerle dal rischio che un incidente del genere potesse ripetersi. “Come madre di bambini piccoli, ho pensato che fosse importante che gli altri genitori ne fossero consapevoli”, ha detto Johnson. “È un peccato, perché siamo tutti in una pandemia, lavoriamo tutti da casa. Stiamo lavorando molto duramente per intrattenere i nostri figli mentre svolgiamo il lavoro. Siamo a volte inclini a dire: ‘Ecco, prendi l’iPad. ” Penso, chiaramente, che nel mio caso sia stata una decisione fallimentare”.

Leggi anche >> Lo licenziano e si rifugia nei videogames: 24enne muore di trombosi causata da inattività durante il lockdown

Il racconto della donna

La donna, che nella vita è agente immobiliare ed è madre di due figli, ha detto che il 9 luglio ha notato lo stesso addebito di 106,34 dollari sul suo estratto conto per 12 volte di seguito. Ma nel rapporto di transazione c’erano anche addebiti inferiori di 53,16 dollari e molti altri nella gamma tra 200 e 600 dollari. Per questo ha contattato la banca che le ha suggerito di contattare Apple e Sega, cosa che lei ha fatto ricevendo da Apple una telefonata nella quale la società dava la disponibilità a rimborsarle una parte dei soldi.

“Per oltre un decennio l’App Store si è dimostrato il luogo più sicuro e affidabile per scoprire e scaricare app”, ha dichiarato Apple a “GMA” in una dichiarazione, sottolineando che i suoi prodotti hanno strumenti implementati per aiutare i clienti a proteggere attivamente se stessi e i propri famiglie. “Siamo consapevoli che gli errori possono ancora verificarsi e lavoriamo con i clienti per indagare, istruirli sugli strumenti disponibili per la loro protezione e, in questo caso, fornire al cliente un rimborso”. La donna ha detto di avere una password impostata sull’iPad che lei e i suoi figlio condividono ma pensava che le transazioni non potessero essere effettuate senza l’immissione di una password “una tantum”. “Non mi rendevo conto che ci fosse un ambiente in cui il bambino potesse continuare a comprare senza la password dopo un certo periodo di tempo”, ha detto. “Ci sono varie impostazioni che ora sto imparando.”