I miglioramenti e la lotta continua di Alex Zanardi: “Fa ok con il pollice e guarda la moglie”

Alex Zanardi non si arrende e ha iniziato a dare segni molto positivi. Ora stringe la mano, fa ok col pollice e guarda la moglie.

Arrivano notizie confortanti sulle condizioni di salute di Alex Zanardi. Dopo l’incidente con l’handbike dello scorso 19 giugno e il trasferimento nel reparto di neurochirurgia di Padova, Zanardi sta continuando la sua incessante lotta con la vita. E ci sono buoni segnali affinché il terzo miracolo della sua vita possa avvenire.

Da qualche giorno, infatti, il campione riesce a stringere la mano e a fare l’ok con il pollice e a guardare la moglie. Un qualcosa di sorprendente, al quale nessuno più poteva credere fino a qualche mese fa. Il prossimo passo sarà quello di tirare fuori la lingua. I medici danno tanto importanza a questa cosa.

Questo è quanto riportato dal ‘Corriere della Sera’: “Stringe la mano su richiesta. Se gli chiedono di fare ok, alza il pollice. Dov’è la moglie? E lui gira appena il capo verso di lei”.

Zanardi in lento miglioramento: “Stringe la mano su richiesta e fa l’ok col pollice”

Alex Zanardi

Zanardi in questi mesi ha subito 6 interventi chirurgici, compresi quelli di ricostruzione cranio facciale. Dal 21 novembre non è più in terapia intensiva, ma nel reparto di neurochirurgia di Padova.

Zanardi nel suo letto viene sottoposto continuamente a stimoli audiovisivi, con voci e suoni a lui familiari, che potrebbero riportarlo presto a fare una vita quasi normale. Vede, sente, ma non parla ancora.

Queste le parole di Luca Pancalli, presidente del Comitato Paralimpico: “Zanardi sta lottando per la seconda prova più difficile della sua vita e lo sta facendo al massimo. Siamo in contatto quotidianamente con la moglie Daniela. Alex è una persona importante per la famiglia dello sport italiano e anche internazionale per la sua capacità di amplificare e semplificare concetti importanti. In questo è straordinario e sono convinto che continuerà a farlo per il resto dei suoi giorni”.