Donna di colore accerchiata e attaccata da manifestanti pro-Trump: insulti razzisti e colpi in faccia

colpi e insulti alla donnaUna donna di colore che stava camminando per le strade di Los Angeles è stata presa di mira da manifestanti pro Trump senza mascherina. L’hanno colpita e le hanno rivolto epiteti razzisti

Accerchiata da decine di manifestanti Pro-Trump e attaccata con frasi ed epiteti razzisti dopo una manifestazione nel centro di Los Angeles. Lo ha denunciato una donna di colore, già interrogata dalla polizia della città californiana che sta indagando sull’accaduto trattandolo come un crimine di odio. “La donna è stata identificata. Sulla base delle sue dichiarazioni e di altre prove, è stato redatto un rapporto di crimini di odio” ha dichiarato il dipartimento di polizia di Los Angeles in un comunicato su Twitter.

Berlinda, 25 anni, ha detto che stava camminando lo scorso mercoledì quando il gruppo di sostenitori di Trump che stava camminando per le strade con in mano cartelli recanti la scritta “Stop the Steal” si è avvicinato a lei dicendole di togliersi la mascherina, come riportato da Nbc Los Angeles. La folla ostile l’ha circondata seguendola mentre lei chiedeva loro di lasciarla in pace. A quel punto un ragazzo l’ha graffiata sul volto per poi colpirla con uno smartphone in faccia. Intanto altre persone l’hanno spinta e insultata verbalmente con epiteti a sfondo razziale.

Le immagini dell’attacco hanno sconvolto gli Stati Uniti

L’attacco è stato catturato dal fotografo Raquel Natalicchio, 29 anni che ha notato la donna camminare sola e i manifestanti che la chiamavano e le chiedevano se avesse votato per il presidente Donald Trump. Non è chiaro se tutti quelli mostrati nelle foto di Natalicchio siano stati coinvolti nella presunta aggressione. Berlinda ha detto loro di no e e ha continuato a camminare, ha spiegato Natalicchio. “Hanno continuato a prenderla in giro per questo, e poi lei ha detto loro di indossare una mascherina”, dato che molti di loro non l’avevano. “Non appena lo ha fatto l’hanno circondato iniziando a spingerla, insultarla e cercando di intimidirla”.

LEGGI ANCHE =>> Dopo le presidenziali Trump perde anche la moglie? Voci su un imminente divorzio con Melania

Poi una donna le ha strappato le extension dei capelli e Berlinda ha cercado di difendersi ma diversi uomini hanno iniziato a colpirla con aste metalliche e probabilmente le è stato spruzzato peperoncino negli occhi. Solo un uomo è intervenuto in suo soccorso cercando di trarla in salvo. “Lo chiamo il mio eroe”, ha raccontato Berlina poche ore dopo. “Quel ragazzo mi sussurrava all’orecchio, dicendomi: ‘Continua. Stai bene. Ti ho preso, ho il tuo telefono. Stai bene, ti porto fuori di qui. Queste persone stanno cercando di ucciderti.” La polizia di Los Angeles sta conducendo un’indagine sull’incidente e ha chiesto a chiunque sia stato testimone dell’accaduto o possa avere informazioni di farsi avanti. La manifestazione a Los Angeles si è tenuta lo stesso giorno in cui una folla pro-Trump ha preso d’assalto l’edificio del Campidoglio degli Stati Uniti, interrompendo temporaneamente il conteggio ufficiale dei voti del Collegio elettorale per affermare la vittoria del presidente eletto Joe Biden.