Impressionante scoperta in un carico di sale industriale: trovati 118 sacchi contenenti 3 tonnellate di cocaina

scoperta eccezionaleQuello fatto delle autorità è sicuramente uno dei sequestri più importanti mai avvenuti prima nell’Africa occidentale: 3 tonnellate di cocaina sono state rinvenute in un carico di sale industriale

All’apparenza sembrava solo un maxi carico di sale industriale ma al suo interno, ben mimetizzata, c’era anche la cocaina. E non certo poca: le autorità del Gambia ne hanno rinvenute oltre tonnellate in quello che può definirsi uno dei sequestri più importanti mai avvenuti prima d’ora in tutta l’Africa occidentale. Se infatti non è raro imbattersi in carichi che nascondono droghe ed in particolare cocaina, non era mai capitato di trovarne così tanta tutta insieme. Ben 118 sacchi quelli scoperti dai militari nel corso di una perquisizione, lo scorso giovedì, di un container spedito dal porto ecuadoriano di Guayaquil e che è passato da Algeciras in Spagna come confermato dal portavoce dell’agenzia antidroga del Gambia Ousman Saidybah.

LEGGI ANCHE =>> Armi dell’Alaska vendute a privati scoperte in spedizioni segrete verso un cartello della droga Messicano

La pandemia di Covid ha modificato il modo di trafficare droga

Non è chiaro al momento quale fosse la destinazione ultima del carico di cocaina. I trafficanti di droga generalmente usano l’Africa occidentale come punto di trasbordo per la cocaina in viaggio dal Sud America all’Europa, e Saidybah ha detto che le droghe non erano destinate al consumo locale. “Questo sequestro è l’ennesima conferma che il Gambia, come altri stati dell’Africa occidentale, continua ad essere una via di stoccaggio e transito per la cocaina da parte di gruppi criminali organizzati internazionali”. Nel solo 2019 sono state sequestrate in questa zona del Paese varie tonnellate di cocaina: poi la pandemia di Coronavirus ha interrotto il traffico illegale di stupefacenti, ma i boss della droga hanno risposto con carichi più grandi di cocaina in un numero inferiore di navi portacontainer e aerei commerciali in circolazione. Saidybah ha detto che i primi risultati delle indagini suggeriscono che il container contenente la cocaina appartenga a un residente del Gambia con passaporto francese, ricercato dalla polizia.