Caso Genovese, la rivelazione dell’ex legale della vittima: “Porterà delle cicatrici permanenti su tutto il corpo”

L’ex legale della ragazza che ha denunciato Genovese: “Si vede nei video che la droga le viene somministrata da tutte le parti…”.

A ‘Non è l’Arena’ ha parlato, Saverio Macrì, l’ex legale della ragazza che ha denunciato per stupro Alberto Genovese. Queste le sue parole: “Porterà delle cicatrici permanenti su tutto il corpo, avrà il marchio di Genovese per tutta la vita. Si vede nei video che la droga le viene somministrata da tutte le parti…”.

Macrì, inoltre, ha criticato la scelta della vittima di cambiare i suoi legali: “Sono suoi amici e presunti migliori amici, una corte dei miracoli che non fanno gli interessi della ragazza, ma perseguono solo interessi economici”.

A questa frase c’è stata la reazione sconcertata di Giletti, conduttore del programma ‘Non è l’Arena’: “Lei mi sta dicendo che si potrebbe arrivare a un accordo con Genovese?”. La risposta di Macrì: “Assolutamente sì, quando secondo me si poteva arrivare a una condanna esemplare”.

Saverio Macrì, ex legale della vittima di Genovese: “Si vede nei video che la droga le viene somministrata da tutte le parti…”

Nel corso della trasmissione, inoltre, sono emersi altri particolari sul presunto stupro di Alberto Genovese verso una ragazza ospite della villa insieme ad altri amici. Nella camera da letto in cui si sarebbe consumata la violenza sessuale c’era anche Sara, l’ex fidanzata dell’imprenditore. Questa la sua testimonianza, letta da Giletti durante la trasmissione: “Con M. e Alberto abbiamo ballato, poi siamo finiti sul letto dove ci siamo toccati. Poi ci sono stati dei rapporti orali sia da parte mia che di M. verso Alberto”.

E ancora: “C’è stato un primo rapporto vag***e tra M. e Alberto. Lei gli ha detto che aveva le mestruazioni, ma ad Alberto non dava fastidio. Io ricordo tutto, la ragazza era attiva e partecipava”.